Il portiere del Cortefranca Giulia Meleddu ha analizzato, sui canali social, la stagione appena vissuta con le rossoblù in Serie B, conclusasi col settimo posto.

Un altro anno si è concluso… e questo è stato realmente pieno di vita, di sorrisi, di urla a squarciagola, di canti, di passione, di pianti e di libertà..
È stato un anno pazzesco con persone pazzesche..
Non penso che ci sia qualcosa già scritto, qualcosa che doveva andare così, ma penso che tutto quello che ho fatto fino ad ora non poteva portarmi in posto migliore di questo.
Siete partite da zero, con poche speranze, sopra la bocca di tutti quelli che vi contavano come già retrocesse, mi avete accolta, abbiamo sudato e giocato tantissimo, al massimo e poi abbiamo spiazzato tutti.
Sono cresciuta in una sola squadra qui nella mia città e a sentire parlare la gente è come se fosse l’unica del paese che contasse veramente… e l’ho sempre pensato anche io, ma a volte, dove non c’è voce, luce o parole, c’è semplicemente un piccolo gruppo che sta mettendo le fondamenta per un super futuro brillante…
Questo è quello che auguro a questa squadra, questo è il più bel regalo che ci siamo fatte.. tanto rumore.
Ora dobbiamo metterlo in conto che non sarà facile portare il peso di questo “trofeo” che ci siamo guadagnate.. ora questo paese avrà più di una squadra che importa veramente.
Ora ci sarà tanta salita, ma se fatta con le persone giuste è un attimo.
Photo Credit: Pierangelo Gatto
FONTEFacebook
Nato il 12 luglio del 1988 a Cremona, Elia ha sempre avuto una grande passione per il mondo del giornalismo, in particolar modo a quello sportivo. Ha tre esperienze lavorative in questo settore, IamCalcio, ManerbioWeek e BresciaOggi, un workshop con l'emittente televisiva Sportitalia, e uno stage curricolare con il Giornale di Brescia. Si avvicina al calcio femminile nel 2013 grazie ai risultati e al percorso del Brescia CF e da allora ha cominciato ad occuparsi anche del movimento in rosa.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here