Jovana Damnjanović ha prematuramente prolungato il suo contratto con l’FC Bayern Monaco fino al 2025. Nell’intervista, l’attaccante parla dei suoi gol e del perché non c’è nessun altro club per cui preferirebbe giocare.
Cara Jovana Damnjanovic, quali qualità personali hai che rappresentano anche l’FC Bayern? “Voglio sempre vincere, il Bayern vuole sempre vincere. Sono ambizioso, l’FC Bayern è ambizioso. Non ci piace perdere. Questi sono i punti che ci uniscono”.
Quali sono i tuoi obiettivi personali per i prossimi anni con l’FC Bayern?
“Penso che negli ultimi anni abbiamo fatto ottimi progressi. Ma i risultati non corrispondono al 100 percento. I miei obiettivi personali sono posizionarmi come il numero uno in Germania. Mentirei se non dicessi che voglio vincere la Champions League. Questo è un grande obiettivo e stiamo tutti lavorando sodo per raggiungere quegli obiettivi e quei sogni”.
Gli addii sono inevitabili. Tutti i più giocatori hanno esteso i loro contratti. Quanto è importante mantenere intatto il cuore della squadra?
“Questo significa molto. È un chiaro segno che ci sentiamo a nostro agio qui e che abbiamo obiettivi comuni. È un buon segno quando così tanti giocatori firmano contratti a lungo termine. Abbiamo una forte mentalità di squadra e lealtà. Ogni giocatore che ha firmato un contratto ha inviato il messaggio chiaro che rappresentano l’FC Bayern e questa squadra. Per me personalmente, è molto importante”.

Ciò significa che ti senti a tuo agio qui. Cosa rende speciale per te la città di Monaco?
“Non mi sento al 100 percento qui, ma al 200 percento.Non ho mai avuto dubbi sul rimanere.Non c’è nessun altro club al mondo in cui preferirei giocare.Sono molto felice di avere la possibilità di giocare per l’FC Bayern e quindi sono stato molto felice di prolungare il mio contratto.L’FC Bayern e la città di Monaco sono la mia casa, anche se è lontana dalla mia vera casa.Non riesco a immaginare di suonare da nessun’altra parte con così tanta passione ed emozione.Ogni giorno, quando vengo qui e vedo le mie ragazze o le persone che lavorano qui nel campus, è una sensazione speciale e non c’è niente con cui scambierei quella sensazione”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here