I calciatori ON hanno reagito sui loro social network dopo la dichiarazione della Association of Women’s Soccer Clubs (ACFF), attraverso la quale offrono un accordo globale in cui Mediapro offre 1,5 milioni di euro per sbloccare lo sciopero dei prossimi 16 e 17 novembre. “Questo è il gesto dell’Associazione delle squadre di calcio femminile che stavamo aspettando e che può essere decisivo per le giocatrici di avere finalmente l’accordo collettivo di cui hanno bisogno e che meritano. Non ci sono più scuse per raggiungere un accordo e persino evitare uno sciopero che nessuno vuole “ , hanno detto dal sindacato.

La misura proposta dai club dell’Associazione e Mediapro è che il gruppo audiovisivo rilascerà l’ACFF dal suo contratto televisivo, in modo che possano così concordare con la RFEF sullo sfruttamento audiovisivo e il pagamento da parte della società catalana degli ulteriori 6 milioni di euro necessari per porre fine al blocco della firma dell’accordo e, quindi, paralizzare le intenzioni delle giocatrici di scioperare. Questo annuncio arriva giorni dopo che il governo ha annunciato un incontro con sindacati e datori di lavoro, con l’obiettivo di mediare nella ricerca di un consenso nel contratto collettivo. La firma di questo documento storico, prima nel calcio femminile spagnolo ed europeo, è stata paralizzata per settimane dopo più di 18 incontri del tavolo dei negoziati, con la distorsione come principale punto di disaccordo tra le parti.

I sindacati hanno ridotto i loro reclami a uno stipendio annuo di 12.000 euro per le giocatrici con un contratto part-time, cioè il 75% dello stipendio minimo a tempo pieno di cui hanno bisogno, 16.000 euro. Il datore di lavoro, tuttavia, non prevede una percentuale superiore al 50% , che lascerebbe le persone colpite con un salario minimo di 8.000 euro all’anno, poco più di 660 euro al mese.

Credit photo: Liga Iberdrola sito

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here