Con la palla in rete in abbondanza (ben 28 gol in sei partite nelle prima giornata e 31 nella seconda) , le stelle splendenti e qualche sorpresa emergente in più, questo è già stato un calcio olimpico femminile non solo da assaporare.

Ma mentre gli amanti del calcio di tutto il mondo avranno goduto del bel gioco e dei gol spettacolari serviti dalle squadre leader a livello mondiale a Tokyo 2020, cosa si può vedere grattando sotto la superficie?

Questo è proprio ciò che un team di esperti di Tokyo 2020 del FIFA “Technical Study Group” ha fatto in Giappone e le gare finora indicano alcune tendenze tattiche intriganti.

Capacità dei difensori centrali di rompere le linee

Si è notato che i difensori centrali si sono assunti molte responsabilità nel gioco di costruzione delle loro squadre. Mentre in passato i centrocampisti centrali dovevano spesso posizionarsi in mezzo o a lato dei loro colleghi difensori per ricevere la palla, i difensori centrali alle Olimpiadi – almeno finora – sono stati bravi con la palla tra i piedi, paziente e fiduciosi nel rompere le linee con il loro passaggio verticale.

La loro lettura del gioco davanti a loro e l’apprezzamento del momento giusto per giocare la palla in avanti, sono stati anche un elemento impressionante nella loro distribuzione di successo dalle retrovie.

Questa tendenza ha fornito ai team più opzioni per fare progressi. I centrocampisti centrali hanno saputo trovare posizioni più avanzate nelle tasche di spazio dietro la linea di pressing avversaria, offrendo di ricevere e creando opzioni di passaggio.

Sebbene i difensori centrali abbiano impressionato con la loro distribuzione, non abbiamo osservato un numero elevato di “interventi”, soprattutto quando si è aperto lo spazio per loro di entrare con la palla.

Se ben eseguito, questo potrebbe essere un modo efficace per interrompere blocchi medi compatti e portare gli avversari fuori posizione, liberando più spazio dietro.

L’ Analisi in campo di Olanda – Brasile terminata 3 a 3.

Con la Nouwen che passa a Van der Gragt, si libera in centro campo la Roord, con un movimento in avanti per creare un’opzione di passaggio, dietro la linea di centrocampo del Brasile resta immobile.

In altra occasione il ternino Olandese Van der Gragt gioca un netto passaggio progressivo per la Roord che si gira e dribbla in avanti andando al tiro.

Dopo questo approccio di passaggio verticale nel gioco di costruzione, la maggior parte delle squadre ha cercato di passare all’ultimo terzo dai canali sinistro o destro.

Hanno usato l’intera larghezza del campo e hanno costantemente cercato piste sovrapposte o dietro. In questi ampi canali, abbiamo osservato molte squadre guidare con la palla verso la linea di fondocampo prima di giocare all’indietro, dove un compagno di squadra era ben posizionato intorno all’altezza dell’area di rigore per consegnare un cross, in genere a bassa pressione.

Il passaggio all’indietro ha costretto la linea difensiva ad alzarsi, il che ha reso difficile per loro rimanere a stretto contatto e anche avere la sfida di difendere lo spazio ora creato alle spalle per il cross in arrivo.

La penetrazione dietro la linea difensiva avversaria è sempre uno spazio pericoloso da sfruttare. Per restituire la palla a un compagno di squadra in cima all’area, che poi incrocia la palla sul retro o sul primo palo, spesso coglie squadre che stavano solo cercando di uscire dall’area a causa del retropassaggio.

In questi scenari è molto difficile tenere d’occhio tutti gli avversari e la palla per un difensore, afferma April Heinrich, membro del team di esperti che osserva ed analizza le partite per conto della FIFA.

Paolo Comba, giornalista pubblicista iscritto all' ordine di Torino, ho conseguito il tesserino da Giornalista collaborando da prima con quotidiani on line ( settore calcistico giovanile : “11 giovani.it” e “gioca a calcio.it", in Piemonte) per entrare, successivamente, in redazione a Torino del settimanale cartaceo di “ Sprint&Sport" e Terzo Tempo (settore calcistico dilettantistico Regione e Nazionale - Professionistico – Serie D). Collaboro dal 2018 con RCS Sport per il Giro d' Italia (seguendolo in tutte le tappe) e nel Giro 103 ho collaborato come addetto stampa per quotidiani on line di ciclismo ( bikenews ). Appassionato di Sci alpino e nordico segue gare Mondiali e Coppa del Mondo dal 2000. Credo che il CALCIO FEMMINILE ITALIANO sia un movimento in grande crescita e debba avere le stessa visibilità del mondo “ maschile", pertanto, contribuisco a questo grande obbiettivo.