Alcune stelle dal valore conclamato e altre stelle emergenti si affronteranno nella nuova fase a gironi di UEFA Women’s Champions League.

Ecco un breve profilo delle calciatrici più attese della seconda giornata.

Sam Kerr (Chelsea, attaccante)
Sam Kerr ha rispettato le aspettative dal suo arrivo al Chelsea nel gennaio 2020 dopo aver segnato tantissimi gol negli Stati Uniti e nella sua natia Australia. Coi Blues ha una media di quasi un gol a partita, e nella prima giornata è andata in gol contro il Wolfsburg con uno splendido pallonetto – squadra alla quale aveva segnato nelle due gare dei quarti della passata stagione. Schierata in genere come centravanti nell’attacco stellare del Chelsea, la 28enne Kerr è dotata anche di rapidità e di un tiro potente.

Arianna Caruso (Juventus, centrocampista)
Prima calciatrice a raggiungere le 100 presenze con la Juventus, nonostante il club sia stato fondato solo nel 2017, la 21enne si è presentata ai nastri di partenza della fase a gironi di UEFA Women’s Champions League con un nuovo contratto sino al 2024, il più lungo nella storia del club. Due giorni dopo ha festeggiato il prolungamento con uno splendido tiro al volo nel 3-0 sul Servette. Caruso è un pilastro del centrocampo sia della Juve che dell’Italia.

Melvine Malard (Lyon, attaccante)
Malard ha scritto il suo nome nella storia della competizione segnando il primo gol in assoluto della nuova fase a gironi di UEFA Women’s Champions League nella vittoria contro l’Häcken. La 21enne prodotto del vivaio del Lyon è stata aggregata alla prima squadra a soli 18 anni, ha vinto gli EURO femminili Under 19 nel 2019, mentre nel 2020 è entrata dalla panchina in finale nel quinto trionfo consecutivo dell’OL nella competizione. Attaccante rapido e intelligente, in grado di giocare sia a sinistra che al centro, Malard ha segnato quattro gol in Europa nella passata edizione ed è stata titolare per l’intera stagione. In questa stagione europea ha già realizzato due gol.

Cloé Lacasse (Benfica, attaccante)
La tripletta di Lacasse contro il Twente ha regalato al Benfica la prima qualificazione alla fase a gironi, coronando la crescita del club portoghese nato appena tre anni prima. La canadese Lacasse è arrivata in Europa nel 2015 quando è passata col club islandese dell’ÍBV, club che ha lasciato per il Benfica dopo quatto anni e tantissimi gol all’attivo. La 28enne ha segnato più di un gol a partita con le Aquile ed è arrivata a un passo dal gol che avrebbe regalato la vittoria a sorpresa alla sua squadra contro il Bayern.

Credit Photo: UEFA

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here