Le 16 squadre, suddivise in 4 gironi, che prenderanno parte ad EURO 22 Women’s in Inghilterra avranno tempo fino al 6 luglio per presentare le liste complete delle loro rispettive rose.

Questa l’importante novità che è stata introdotta dal comitato Uefa, in vista di Euro 2022, per ragioni di infortuni legati al Covid. Infatti il termine iniziale era stato previsto per il 26 giugno, data nella quale molte Nazioni avrebbero azzardato i nominativi per la partecipazione all’evento ma che poi in sede di partecipazione potevano trovarsi con le loro liste dimezzate, e prive di competizione, a causa di giocatrici infortunate oppure soggette a casi di Covid 19.

Pertanto fino alla gara di esordio, che sarà Mercoledì 6 luglio tra l’Inghilterra ed Austria al mitico stadio dell’ Old Trafford, le delegazioni potranno verificare le loro rispettive rose e modificarne i nominativi così da rendere l’evento ancora più competitivo e spettacolare.

Questa scelta, ha dichiarato il delegato Uefa sui siti istituzionali, che è stata dettata per una linea di correttezza e per dare la massima flessibilità alle Nazioni ammesse e di definire al meglio il gruppo delle calciatrici partecipanti senza creare anomalie o ricorsi dopo l’inizio della competizione. In un periodo ancora post Covid sono ancora molte le Nazionali Europee che hanno nelle loro rose dei contagi che potrebbero causare delle vere e proprie mini pandemie tra le calciatrici prima della partenza per Londra.

Pertanto la scelta di variare la data di presentare le delegazioni sarà un valore aggiunto ad un evento che si prospetta, per la vecchia Inghilterra Europea, ancora più avvincente e competitivo.

Inoltre il massimo organo Europeo, viste le problematiche di guerra tra la Russia e l’Ucraina, ha ufficializzato che la Bielorussia e l’ Ucraina non potranno essere sorteggiate l’una contro l’altra in qualsiasi competizione femminile o maschile, fino a nuovo ordine.

Paolo Comba, giornalista pubblicista iscritto all' ordine di Torino, ho conseguito il tesserino da Giornalista collaborando da prima con quotidiani on line ( settore calcistico giovanile : “11 giovani.it” e “gioca a calcio.it", in Piemonte) per entrare, successivamente, in redazione a Torino del settimanale cartaceo di “ Sprint&Sport" e Terzo Tempo (settore calcistico dilettantistico Regione e Nazionale - Professionistico – Serie D). Collaboro dal 2018 con RCS Sport per il Giro d' Italia (seguendolo in tutte le tappe) e nel Giro 103 ho collaborato come addetto stampa per quotidiani on line di ciclismo ( bikenews ). Appassionato di Sci alpino e nordico segue gare Mondiali e Coppa del Mondo dal 2000. Credo che il CALCIO FEMMINILE ITALIANO sia un movimento in grande crescita e debba avere le stessa visibilità del mondo “ maschile", pertanto, contribuisco a questo grande obbiettivo.