Secondo round della semifinale di Coppa Italia che dopo il risultato tennistico dell’andata al Vismara, alle ragazze di Maurizio Ganz, servirebbe una vittoria con almeno sei reti di scarto.

Joe Montemurro schiera in campo il suo 4-3-3 concedendo spazio alle seconde linee: Aprile tra i pali, Lundorf-Lenzini-Sembrant e Boattin in difesa, Caruso-Rosucci e Grosso centrali ed Bonfantini-Staskova e Nilden in attacco. Sicuramente una formazione del primo tempo priva delle solite titolari di campionato ma con un valore sul campo di notevole valore tattico e tecnico. Il Milan propone il 3-4-2-1 con Badò sostituita all’ultimo istante a Giuliani in porta, Fusetti-Agard e Amadottir in difesa, Tucceri Cimini-Adami-Bourelle e Guagni in centrale, Thomas e Bergamaschi avanzate e Martina Piemonte unica punta avanzata.

Gara che parte molto aggressiva: con le avversarie molto concentrate e ben schierate in campo, al 9’ Lindesy Thomas vedendo Aprile leggermente fuori da pali la supera con uno strepitoso pallonetto che porta in vantaggio le rosso-nere. Poco dopo Staskova avrebbe la possibilità di equilibrare le reti, ma il suo tiro sotto porta viene bloccato sulla linea.

Avversarie più concentrate creano gioco costringendo la Juve a chiudersi nella propria metà campo ed andando al tiro con Piemonte e Bergamaschi, padrone di casa che mantengono una buona padronanza del pallone al centro campo per finalizzare poco in fase avanzata. Un primo tempo che termina veloce con un ritmo di gioco quasi di allenamento, nel clima quasi estivo di Vinovo, tra due squadre molto tecniche ma che creano poco.

Secondo tempo che riprende con le stesse ventidue dell’inizio gara e con sempre le diavole entrare con il giusto piglio: Valentina Bergamaschi mette a segno il 2 a 0 per il Milan, grazie ad un lancio perfetto dal centro campo, che ha lasciato Aprile raccogliere la sfera in porta dopo appena quattro minuti. Le padrone di casa non ci stanno e sull’azione di ripartenza, due minuti dopo, è Andrea Staskova, servita da Caruso, e superare la numero uno milanista ad equilibrare le distanze. Boattin segna, ma per il direttore di gioco si trova in fuori gioco, Bonfantini ritrova la corsa e la fisicità e ci prova da furi, ma il suo tiro viene bloccato in angolo: nel momento più concreto della Juve, il Milan in contropiede con Bergamaschi trova la rete del 3 a 1.

La Juventus effettua i cambi, mettendo forze fresche ed il risultato porta la spinta giusta, con la seconda rete di Staskova. La partita riprende animo ed è piacevole sul piano del gioco, anche se il Milan è cosciente che la qualificazione alla finale resta solo fantascienza presenta qualità e carattere, con le padrone di casa che rallentano i ritmi e cercano il possesso di palla. Barbara Bonansea riprende la squadra per mano e con Nino Raiola nel cuore segna il gol che vale il pareggio: 3 a 3. Ma le emozioni non terminano, la fuga di Bonfantini genera il contrasto in area che porta al calcio di rigore per le padrone di casa: dagli undici metri Arianna Caruso sigla la quarta rete per la vecchia signora.

Allo scadere Lisa Boattin porta lo score sul 5 a 3 per un finale ancora più secco.

Termina con l’ennesima vittoria della Juve sul Milan, dopo una buona gara delle undici di Ganz (forse la più bella del campionato negli scontri diretti) che sembravano avviate alla vittoria per i primi sessanta minuti, per cinque reti a tre per un risultato che decreta la vecchia signora quale seconda finalista di Coppa Italia contro la Roma. Finale che sarà sul campo neutro di Ferrara dove le due forze del campionato porteranno spettacolo e lustro a questa competizione ed a tutto il movimento

Credit Photo: Alessia Taglianetti

Paolo Comba, giornalista pubblicista iscritto all' ordine di Torino, ho conseguito il tesserino da Giornalista collaborando da prima con quotidiani on line ( settore calcistico giovanile : “11 giovani.it” e “gioca a calcio.it", in Piemonte) per entrare, successivamente, in redazione a Torino del settimanale cartaceo di “ Sprint&Sport" e Terzo Tempo (settore calcistico dilettantistico Regione e Nazionale - Professionistico – Serie D). Collaboro dal 2018 con RCS Sport per il Giro d' Italia (seguendolo in tutte le tappe) e nel Giro 103 ho collaborato come addetto stampa per quotidiani on line di ciclismo ( bikenews ). Appassionato di Sci alpino e nordico segue gare Mondiali e Coppa del Mondo dal 2000. Credo che il CALCIO FEMMINILE ITALIANO sia un movimento in grande crescita e debba avere le stessa visibilità del mondo “ maschile", pertanto, contribuisco a questo grande obbiettivo.