Il nuovo tecnico blucerchiato si racconta e parla con entusiasmo della nuova avventura ai microfoni del quotidiano torinese. Nel corso dell’intervista, Cincotta ha toccato vari temi, dall’esordio assoluto della Sampdoria Women in Serie A alla centralità nel progetto di Stefania Tarenzi. Certo è che giocare per la prima volta contro squadre più esperte e con una rosa già definita da maggior tempo sarà una sfida importante che richiederà il massimo impegno da parte di tutte.

Ne è ben consapevole l’allenatore lombardo che, durante l’intervista di ieri, si è detto onorato ed entusiasta di poter aiutare il club a muovere i primi passi nel massimo campionato femminile. “Sarà una sfida difficile ma molto stimolante, proprio per il gap che dobbiamo colmare con le altre squadre”, ha poi dichiarato Cincotta. Nonostante il poco tempo a disposizione, però, è doveroso riconoscere a Marco Palmieri, d.s. dell’area femminile, la grande abilità nell’aver costruito al meglio una rosa competitiva.

Non sono mancati i ringraziamenti del tecnico per aver avuto a disposizione, grazie all’instancabile lavoro del dirigente, calciatrici di grande classe e talento. Tra queste non può non spiccare il nome di Stefania Tarenzi, attaccante classe ’88 proveniente dall’Inter e fortemente voluta da mister Cincotta. “Ci siamo sentiti. In passato avevamo sempre giocato contro ma, ad un certo punto, abbiamo capito che era arrivato il momento di voltare pagina insieme”, queste le sue parole circa l’arrivo del bomber lodigiano.

“Siamo una squadra nella squadra e la presenza di Tarenzi è fondamentale per il gruppo”, ha infine dichiarato evidenziando la propria ammirazione e stima per questa giocatrice. Con l’arrivo di tante atlete in un ambiente totalmente nuovo, il tecnico lombardo è stato in grado di lavorare magistralmente sulla coesione e sulla serenità di tutto lo spogliatoio.

“Il mio primo obbiettivo è stato quello di creare un clima sereno. Non voglio che le calciatrici possano mai sentirsi oppresse dall’ansia da prestazione”, ha infatti spiegato ai microfoni di Tuttosport. Una strategia saggia ed encomiabile che sicuramente lo aiuterà a gestire il morale della squadra in caso di sconfitte che, come da lui riconosciuto, arriveranno inevitabilmente prima o poi.

Nel corso dell’intervista sono arrivate anche parole al miele verso la società di Massimo Ferrero, sia dal punto di vista del prestigio del club sia parlando della progettualità in ambito femminile. “Quando arriva un’offerta da formazioni come la Sampdoria c’è poco da pensare, è impossibile fare il prezioso!, queste infatti le sue dichiarazioni in merito.

“Il presidente è una persona carismatica e mi ha chiesto di mantenere la categoria al termine di questa prima avventura in Serie A, ha successivamente raccontato al giornalista presentando il principale obbiettivo stagionale. Tornando invece al secondo punto, quello dell’interesse blucerchiato verso il femminile, è necessario considerare la presenza in rosa di calciatrici provenienti dal vivaio doriano come Nicole Lazzeri.

Proprio sul giovane talento classe 2006, grande prospetto in difesa, mister Cincotta ha speso parole importanti: “È una ragazza di grandissima prospettiva, frutto dell’ottimo lavoro della società e di chi l’ha allenata prima di me. Spero di poter contribuire a scrivere il suo promettente futuro”. Che l’ex allenatore della Viola sia rinomato per la capacità di gestire e lanciare le più giovani è un dato di fatto, non resta dunque che aspettare e vedere come riuscirà a far brillare al meglio i tanti astri nascenti che avrà a disposizione.

Anacaprese atipico, ho lasciato l’isola alla volta di Udine per seguire i corsi di laurea triennale in Mediazione Culturale. Durante gli anni in Friuli ho avuto modo di conoscere ed amare la cultura slovena inizando a seguire la Prva Liga. Iscritto attualmente al primo anno di Informazione ed Editoria presso l'Università di Genova, coltivo la passione per il giornalismo sportivo ed il calcio, sia femminile sia maschile. Responsabile della rubrica sportiva preso LiguriaToday, ho la fortuna di assistere dal vivo e raccontare gli incontri di alcune squadre della provincia di Genova. Nutro un forte interesse anche per gli eSports ed ho avuto modo di seguirne i match più importanti, intervistando alcuni dei suoi principali protagonisti.