Nel girone C di Serie C due tra le squadre meglio attrezzate sono la Jesina ed l’ Arezzo. Le marchigiane allenate da Emanuele Iencinella,  e capitanate da Giulia Picchiò,  affronteranno le toscane guidata da Luca Bonci, e capitanate da Laura Verdi.  Nel settimo turno, infatti, la jesine, quarte con 12 punti raccolti in sei uscite, attenderanno tra le mura amiche le aretine, seconde a quota 16. Le due squadre sono anche i migliori attacchi del raggruppamento viste le 31 reti siglate delle padroni di casa e le 37 delle ospiti. Ben 6, tre a testa, tra le prime 10 anche le calciatrici presenti nella classifica marcatori del girone.  Abbiamo raggiunto a poche ore dalla gara due delle protagoniste della sfida, ovvero Rebecca Laface, centrocampista classe 2000 della Jesina, e Sharon Zelli, difensore classe ’96 dell’Arezzo. Queste le dichiarazioni rilasciate alla nostra redazione dalle due calciatrici.

Finalmente il campionato è ripreso dopo un periodo di stop. Come lo avete vissuto e come stato tornare in campo?
Rebecca: “Eravamo consapevoli del fatto che il campionato si sarebbe potuto fermare da un momento all’altro a causa della pandemia, ma speravamo di evitare un altro stop. In queste settimane ci siamo allenate tante, facendo almeno 4 sedute di allenamento settimanali e nonostante gli impegni di scuola, università e lavoro, come sempre eravamo tutte presenti. Tutte noi avevamo voglia di tornare a giocare”.
Sharon: “Ritornare in campo è stato emozionante, le sensazioni della domenica sono sempre molto forti e positive ed è inevitabile che mancassero. Riprendere da una partita in casa ha amplificato le nostre sensazioni e la voglia di fare bene”.

Siete reduci dall’ultimo turno di campionato. Che gara è stata quella di domenica scorsa?
Rebecca: “Si può dire che domenica abbiamo giocato contro due avversari, perché il campo non ci ha permesso di giocare con la palla a terra come piace noi. Con la Reggiana è stata una bella sfida, ce la siamo cavata molto bene portando a casa il risultato”.
Sharon: “È stata una gara difficile, sapevamo di incontrare un avversario forte e ben organizzato come la Torres. Tutto questo si è espresso proprio nel risultato finale che ha fatto emergere nel primo tempo gli avversari e nel secondo noi per cercare di recuperare lo svantaggio. C’è rammarico per il risultato perché pur essendo un pareggio siamo consapevoli che avremo potuto dare di più”.

Alle porte prossima una gara importante al vertice del campionato. Come state preparando questa partita e che match vi aspettate?
Rebecca: “L’ Arezzo, secondo me, è una delle squadre più forti del campionato. Noi siamo una squadra molto giovane, loro invece hanno giocatrici con alle spalle esperienze importanti. Abbiamo molto da imparare da questa partita, non vedo l’ora di giocare”.
Sharon:” Sappiamo che la Jesina è un avversario ostico e da non sottovalutare. Anche la classifica stessa conferma il valore della squadra e noi non possiamo commettere gli stessi errori della partita con la Torres. Per questo motivo stiamo lavorando per arrivare alla gara con la giusta concentrazione e determinazione”.

Cosa è emerso in questa prima parte del campionato a tuo avviso?
Rebecca: “È un campionato equilibrato dove sicuramente possiamo dire la nostra. Siamo un gruppo unito, giovane e con molte potenzialità. È presto per fare previsioni, noi puntiamo a migliorare, dare il massimo ed arrivare più in alto possibile” .
Sharon: “Ritengo che in questa prima fase del campionato la nostra squadra meriti il posto che occupa, motivo per il quale dobbiamo lavorare per fare sempre meglio per cercare di raggiungere il nostro obiettivo principale. Credo nelle potenzialità di ognuna di noi anche perché abbiamo la fortuna di allenarci con ragazze che hanno militato in campionati superiori e questo ci permette di migliorare”.

Vi aspettavate di fare cosi bene in questo avvio di stagione. A cosa è dovuta la facilità delle due squadre di andare in rete?
Rebecca: “Il mister cura molto anche la parte tattica, spesso ha scelto di portare molte persone sopra la linea della palla. A noi centrocampisti chiede degli inserimenti, a me prima non venivano naturali, lavorando con lui ho imparato anche ad attaccare gli spazi. In queste partite abbiamo segnato perché abbiamo creato tanto, inoltre abbiamo giocatrici molto versatili: ce la caviamo sia con il tiro da fuori che dentro l’aria”.
Sharon: “Siamo partite con la giusta convinzione ma i ripetuti stop dovuti alla pandemia hanno minato la nostra continuità. Siamo consapevoli di essere un gruppo formatosi quest’anno per la prima volta ma, puntando tutte ad un unico obiettivo, ogni reparto contribuisce ad andare in rete. Credo che l’impegno e il sacrificio durante la settimana ci portino a fare bene la domenica, ovvio, c’è sempre da migliorare”.

 

Mi chiamo Christian Vitale, sono un giornalista pubblicista con la grande passione per lo sport. Nell'estate del 2015, con amici, apriamo il sito Parametro Zer0, divertendoci a parlare del movimento calcistico in ambito nazionale. Nell'ottobre del 2015 inizio la collaborazione con Info Cilento, portale d'informazione che copre l'area a sud di Salerno. Comincio con una trasmissione in streaming in onda ogni lunedì, sul mondo del calcio dilettantistico, per poi scrivere con lo stesso portale nell'aprile del 2016. La collaborazione con Info Cilento, ancora viva ed intensificatasi nel 2017, mi ha portato a stringere rapporti con qualche emittente televisiva e radiofonica salernitana, con ospitate varie in trasmissioni sul calcio locale. Nello stesso anno inizio a scrivere con Le Cronache di Salerno, quotidiano della zona, mentre nel 2018 entro a far parte dell'ufficio stampa della Polisportiva Santa Maria, società di Eccellenza di calcio ad 11 maschile. Nel 2019 inizio a scrivere con altri due siti on line: Campania Football, in ambito regionale, e Salerno Sport 24, in ambito provinciale, oltre a curare la comunicazione della Folgore Acquavella Femminile, squadra di calcio a 5 iscritta nel torneo di Serie C.