Termina in parità il derby d’Italia, tra la Juventus e l’ Inter, per un 3 a 3 finale che evidenzia un indice di valutazione di squadra ancora a vantaggio delle bianconere: 56 vs 44. Una gara contraddistinta da due diverse disposizioni in campo, a seconda del tempo di gioco, dove si è vista una Juventus con un modulo 4-2-3-1 (primo tempo) con Rosucci a fare da perno in difesa, una delle migliori, e con solo Sembrant alla sua sinistra. Nilden partita in fase difensiva gioca molto nella centrale di metà campo, con Gunnarsdottir e Grosso. Anche Lisa Boattin, in fascia, si trova spesso a giocare palla in centro campo. Beerenteyn, Caruso e Cantore si trovano a raddoppiare così quella zona di centro campo avanzato, già molto congestionata, con Girelli unica punta.

Nel secondo tempo, non cambia il modulo, ma le posizioni di gioco che vedono Boattin rientrare in posizione a sinistra e Nilden a destra; Grosso con Caruso restano nel cerchio di centro campo, la neo-entrata Bonfantini a destra e Beerensteyn a sinistra. Cernoia e Girelli in attacco avanzato nella centrale di campo.

In una copertura territoriale che ha visto le bianconere recuperare meno palloni delle avversarie, l’Inter ne ha preso gioco e convinzione, portando copertura in tutta la ripresa.

I quindici tiri (di cui 5 dentro lo specchio della porta), del secondo tempo, evidenziano quanto le ospiti siano state più prolifere delle bianco-nere. Molte occasioni per la Juventus, ben 11, ma a parte le tre reti vi è stato poco gioco sulle palle inattive e le finalizzazioni sono venute da calci indiretti o piazzati, rispetto ad azioni su azione.

Rosucci la migliore Juventina, con 61 passaggi riusciti (pari al 87%) e tutte le azioni in ripartenza sono state spunto di gioco nato dai suoi piedi. Rosucci,  a seguire Sembrant (con 57 passaggi pari al 92% di gioco bianconero) hanno generato sulla fascia sinistra il flusso di gioco delle campionesse d’ Italia.

Uno score finale 3 a 3 che sia per volume di gioco, mezz’ora a testa, che per la qualità di gioco tra passaggi riusciti e giocate utili: evidenzia un netto, e giusto, equilibrio.

La migliore tra le Nero-azzurre è Kristijansdottir, con il 78% dei passaggi riusciti, e con il flusso di gioco che in 50 azioni la sfera è passata tra i suoi piedi. Il giro palla nel centro campo ha evidenziato un ottimo palleggio con Mihashi e Merlo.

Anche la posizione sul terreno, sia nel baricentro, sia in fase difensiva che offensiva ha visto (in due tempi) una media molto simile: segno che il gap tra le due società si è molto ravvicinato.

Un campionato all’insegna del gran gioco, dove a parte delle iniziative personali (in accelerazione o dribbling) di alcune calciatrici gli indici si sono di molto ravvicinati, tutto questo è di ottimo stimolo al campionato italiano sempre più avvincente che porterà grandi match e grandi scontri tra le grandi.

Credit Photo: Andrea Amato

Paolo Comba, giornalista pubblicista iscritto all' ordine di Torino, ho conseguito il tesserino da Giornalista collaborando da prima con quotidiani on line ( settore calcistico giovanile : “11 giovani.it” e “gioca a calcio.it", in Piemonte) per entrare, successivamente, in redazione a Torino del settimanale cartaceo di “ Sprint&Sport" e Terzo Tempo (settore calcistico dilettantistico Regione e Nazionale - Professionistico – Serie D). Collaboro dal 2018 con RCS Sport per il Giro d' Italia (seguendolo in tutte le tappe) e nel Giro 103 ho collaborato come addetto stampa per quotidiani on line di ciclismo ( bikenews ). Appassionato di Sci alpino e nordico segue gare Mondiali e Coppa del Mondo dal 2000. Credo che il CALCIO FEMMINILE ITALIANO sia un movimento in grande crescita e debba avere le stessa visibilità del mondo “ maschile", pertanto, contribuisco a questo grande obbiettivo.