La settima di campionato ci regala la gara più attesa: il derby d’Italia, la gara nella gara, con la prima di Rita Guarino contro la sua ex. Juve che ha generato tanti successi.

I pronostici sono tutti a favore delle bianconere di Joe Montemurro, la Juve ha infatti vinto le ultime 14 trasferte, e contro le nero-azzurre i precedenti quattro incontri.

Rita schiera il 4-4-2 premiando dal primo minuto Nchout, la giovane esordiente che ha decretato la vittoria sulla Roma, mentre Joe il solito 4-3-3 con Cernoia a Caruso in panchina per dare spazio a Skovsen e Zamanian.

L’ Inter stàgr vivendo il suo momento migliore, dopo un avviso poco proficuo, con 12 punti in sei gare e la vittoria sul campo contro la Roma di Spugna.

Le padrone di casa si chiudono bene nella loro metà campo, bloccando ogni spazio alle avversarie, mentre le ospiti mantengono un buon palleggio, veloce e preciso, ma al momento dell’ingresso in area trovano il muro nero-azzurro a sbarrare a loro la strada per il tiro in porta.

Gara molto ritmica con un avvio di gioco combattuto, sopra tutto al centro campo, e con scambi di fronte in contro piede rapidi e ben lavorati: è l’Inter ad avere più occasioni di fuga con Gloria Marinelli ma Pauline Peyraud è attenta e reattiva. Sull’altro fronte è Cristiana Girelli ad avere sul destro la palla più ghiotta, ma sciupa tutto, e calcia a lato.

Una prima frazione di tempo che si chiude con il giusto risultato di parità: 0 a 0.

Ripresa che vede le ragazze di Guarino entrare convinte in campo, con la traversa piena di Marinelli, il fattore campo e la convinzione di poter affrontare qualsiasi squadra a reso questo gruppo più coeso e sopra tutto meno timoroso e molto aggressivo.

Le campionesse d’Italia ci provano con Hurtig ma il suo tiro sfiora l’incrocio, poco dopo l’affondo di Zamanian non trova il piede di Girelli per l’uscita della reattiva Durante.

Le padrone di casa inseriscono Bonetti e Portales, per portare fiato e mantenere un risultato che tutto sommato farebbe piacere, mentre le ospiti richiamano Girelli per Cernoia per cercare di sbloccarla.

Alla mezz’ora è ancora Barbara Bonansea ad imbucare la sfera in rete, con uno splendido colpo di testa, per l’ uno a zero bianconero.

Joe inserisce Staskova, Caruso e cerca di congelare il vantaggio a suo favore ma appena dopo i cambi è l’ Inter trova la rete del pareggio con la fulminea  Ajara Nchout.

Passano pochi minuti ed è ancora la Juve a metterla a segno: questa volta con Staskova.

Un derby di alto livello che nonostante la pioggia battente ha visto le ragazze, in entrambe le formazioni, combattere sul campo fino all’ultimo secondo. Vince la capolista ma con fatica contro un Inter in forte crescita e ben messa in campo.

Paolo Comba, giornalista pubblicista iscritto all' ordine di Torino, ho conseguito il tesserino da Giornalista collaborando da prima con quotidiani on line ( settore calcistico giovanile : “11 giovani.it” e “gioca a calcio.it", in Piemonte) per entrare, successivamente, in redazione a Torino del settimanale cartaceo di “ Sprint&Sport" e Terzo Tempo (settore calcistico dilettantistico Regione e Nazionale - Professionistico – Serie D). Collaboro dal 2018 con RCS Sport per il Giro d' Italia (seguendolo in tutte le tappe) e nel Giro 103 ho collaborato come addetto stampa per quotidiani on line di ciclismo ( bikenews ). Appassionato di Sci alpino e nordico segue gare Mondiali e Coppa del Mondo dal 2000. Credo che il CALCIO FEMMINILE ITALIANO sia un movimento in grande crescita e debba avere le stessa visibilità del mondo “ maschile", pertanto, contribuisco a questo grande obbiettivo.