Credit Photo: Paolo Pizzini

Archiviate le due semplici gare di Coppa Italia la Juventus riprende il cammino di Campionato per inseguire la capolista Roma, ma a Vinovo contro il Sassuolo, che già all’andata frenò le bianconere sul 1 a 1, le ragazze di Joe Montemurro si devono arrendere al 90′: un’ altro pareggio che frena la corsa verso la capolista Roma.

La nuova formula di Serie A non preclude la necessità di essere primi, ma di essere tra le prime cinque, ma dal punto di vista mentale vi è la necessaria volontà di essere sempre al top e puntare in alto in ogni competizione: questo l’obbiettivo della Juventus in ogni gara.

Questa è stata la seconda occasione in cui le bianconere hanno giocato la prima gara di questo mese in casa (la prima nel 2018, contro il Chievo Verona Valpo).

Le padrone di casa nonostante le assenze di peso come Barbara Bonansea, Sara Gunnarsdottir, Nilden e Lundorf hanno proposto un modulo di gioco collaudato: un 4-2-3-1 con Peyraud Magnin tra i pali, Lenzini-Rosucci-Salvai e Boattin in linea difensiva; Pedersen e Grosso a rinforzo con Caruso centrale; Cernoia e Beerensteyn nelle fasce laterali ed unica punta centrale Cristiana Girelli.

Un primo tempo che ha visto la squadra di casa imprimere il gioco, ed il possesso di palla, tentando in più occasioni ad andare a rete. La squadra ospite, priva del suo mister Piovani in panchina a causa febbre, ha retto bene il pressing bianconero chiudendosi in difesa e concedendo poco agli affondi della Juve. Dei 10 tiri (di cui 3 in porta) per le padrone di casa, forse, una rete poteva essere il giusto segno del valore espresso in campo ma l’ottima giornata di Kresche Isabella, che tra i pali neroverdi ha espresso il meglio della gara, ed i primi quarantacinque minuti chiudono il match a reti inviolate.

La ripresa vede le undici di Montemurro entrare con più convinzione, trovando la rete con Cecilia Salvai, ed imprimendo una superiorità territoriale più decisa portandosi nella metà campo avversaria con più giocatrici ed andando al tiro con più frequenza. Il buon possesso di palla, con triangolazioni pulite e precise, sono state le armi vincenti per le campionesse d’Italia in carica per superare il Sassuolo. Cristiana Girelli resta la giocatrice che ha segnato più gol (nove) contro le Emiliane in Serie A, nonostante averci provato nella ripresa con una ghiotta occasione fronte porta.

Ospiti molto più convincenti nel primo tempo, sebbene senza aver impensierito la porta bianco nera, hanno bloccato il gioco nella propria metà campo; nel secondo non demordono ad allo scadere riescono con Manuela Sciabica a trovare pareggio che porta l’amaro in bocca ai numerosi tifosi bianco neri presenti in tribuna.

La Juventus che  aveva vinto le ultime due gare di Serie A (vs Roma e Inter) a chiusura di anno, non centra i tre successi di fila per la prima volta nel campionato in corso e perde allo scadere due preziosi punti per la corsa scudetto.

 

Paolo Comba, giornalista pubblicista iscritto all' ordine di Torino, ho conseguito il tesserino da Giornalista collaborando da prima con quotidiani on line ( settore calcistico giovanile : “11 giovani.it” e “gioca a calcio.it", in Piemonte) per entrare, successivamente, in redazione a Torino del settimanale cartaceo di “ Sprint&Sport" e Terzo Tempo (settore calcistico dilettantistico Regione e Nazionale - Professionistico – Serie D). Collaboro dal 2018 con RCS Sport per il Giro d' Italia (seguendolo in tutte le tappe) e nel Giro 103 ho collaborato come addetto stampa per quotidiani on line di ciclismo ( bikenews ). Appassionato di Sci alpino e nordico segue gare Mondiali e Coppa del Mondo dal 2000. Credo che il CALCIO FEMMINILE ITALIANO sia un movimento in grande crescita e debba avere le stessa visibilità del mondo “ maschile", pertanto, contribuisco a questo grande obbiettivo.