Credit: Pomigliano Femminile

Carlo Sanchez, allenatore del Pomigliano Femminile, ha rilasciato delle dichiarazioni dopo la gara vinta per 0-1 contro il Como Women. Di seguito, le sue parole:

“Prima di tutto vanno fatti i complimenti al Como per la prestazione, anche perché hanno giocato in più della metà della partita in 10, ma credo che le ragazze hanno fatto una partita strepitosa, volevano la vittoria, durate tutta la settimana cercavano con tutti gli argomenti questa vittoria e l’hanno fatta, grande merito a loro e grande merito al Como. Sappiamo che quando si è in superiorità numerica ci sono delle difficoltà perché non c’è più un riferimento, però veramente tre punti importantissimi contro una squadra che veniva da una serie di risultati positivi e oggi merito di un grande Pomigliano. Noi dobbiamo aspettare, dobbiamo guardare partita per partita, fare il nostro obiettivo del lavoro settimanale per la partita successiva al di là di chi sia l’avversario, poi è normale che dobbiamo raccogliere più punti possibili per avere un piazzamento migliore nel post campionato, però oggi voglio fare un appunto importantissimo: io sono qui da tre mesi, Pomigliano è una società spettacolare dal punto di vista delle emozioni, della voglia, del carattere, dei sacrifici e noi siamo l’unica società che rappresenta il Sud e questa credo che sia importante, non ne parla quasi mai nessuno ed è un peccato perché io che conosco anche qualche dinamica di società diversa dal nostro ambiente dico che veramente vanno fatti i complimenti, vanno esaltate, vanno viste.

Il tecnico ha poi aggiunto: “Oggi abbiamo ragazze che veramente hanno una carriera davanti a loro nel calcio femminile importante, abbiamo un gruppo di lavoro buono e competitivo, abbiamo le nostre difficoltà come ce l’hanno tante piccole società come la nostra, però secondo me siamo anche noi una delle società che può essere presa come punto di riferimento per un qualcosa di importante in futuro”.

Su Pomigliano-Juventus

“Come ho detto già precedentemente non guardiamo alla prossima, adesso abbiamo un giorno di riposo e poi ci prepareremo per la partita con la Juve che è una partita che si prepara da sola. Giocheremo contro la squadra più vincente negli ultimi anni del calcio femminile poi dopo penseremo a quello che sarà Fiorentina, Roma e si affronteranno tutte con la stessa determinazione, noi siamo questi e quindi cerchiamo di affrontare ogni avversario con la stessa voglia e con la stessa concentrazione, ma soprattutto con lo stesso divertimento perché il calcio non è vita o morte, ma il calcio è passione e divertimento, quando stai qua dentro ti dimentichi di tutti i problemi che sono esterni, quindi piano piano e continuiamo ad andare avanti”.

Chiara Frate, attualmente iscritta al corso di laurea triennale in Mediazione Linguistica e Culturale, coltiva la passione per il giornalismo sportivo ed il calcio, sia femminile sia maschile. Attualmente è redattrice di SportdelSud, un giornale sportivo innovativo di partecipazione popolare che le ha offerto l'opportunità di mettersi alla guida di un progetto imprenditoriale nel settore della comunicazione. Conosce l'inglese, il francese, lo spagnolo e sta imparando anche il portoghese. Sempre pronta a schierarsi a favore della parità di genere, il riscatto delle donne e l’impegno costante e instancabile verso un nuovo approccio culturale anche dal punto di vista sportivo.