La quinta giornata di Serie B è andata agli archivi, dandoci per l’ennesima volta che questo campionato e imprevedibile.

Il turno si è aperto con la netta vittoria del Vicenza in casa del Perugia, portandosi a casa tre punti importanti per la salvezza.

Poi è arrivato il primo banco di prova per il leader della cadetteria Pomigliano, con le campane che vengono stoppate dal Chievo Verona, gara in cui Giulia Caliari dice addio alla maglia gialloblù.

La fortuna però gioca in favore delle ragazze di Esposito: il Brescia, rimasto in dieci per 87 minuti, ferma sul pari la Lazio che aveva in pugno i tre punti, l’Orobica ritorna in vita, vincendo in casa del Como 1-0.

Non riesce ad approfittare del passo falso pomiglianese nemmeno il Ravenna, bloccato nella tana del Tavagnacco, mentre il Cesena centra la sua terza vittoria di fila stendendo il Pontedera per 2-0, con le cesenati che ora occupano, insieme alle ravennati e alle laziali, il secondo posto della cadetteria.

Le prime otto classificate sono racchiuse in soli quattro punti di distacco. La Serie B è bella e piacevole e, come ci ha detto Alessia Rognoni, va vissuta fino alla fine.

Elia Soregaroli
Nato il 12 luglio del 1988 a Cremona, Elia ha sempre avuto una grande passione per il mondo del giornalismo, in particolar modo a quello sportivo. Ha due esperienze lavorative in questo settore, IamCalcio e ManerbioWeek (che è attualmente in corso), un workshop con l'emittente televisiva Sportitalia, e uno stage curricolare con il Giornale di Brescia. Si avvicina al calcio femminile nel 2013 grazie ai risultati e al percorso del Brescia CF e da allora ha cominciato ad occuparsi anche del movimento in rosa. Oltre a questo ho come hobby leggere libri e i balli latinoamericani.