La decima giornata di Serie B ci ha consegnato una nuova capolista: parliamo del San Marino Academy, che balza al primo posto grazie alla vittoria in rimonta la casa della Roma CF per 2-1 e al successo del Ravenna sul Napoli per 1-0. Le sanmarinesi, che sono partite con l’obiettivo della salvezza, con umiltà sono da sole in vetta, ma prima o poi getteranno la maschera o voleranno ancora basso? Nelle prossime giornate ci sarà una risposta.

Il Napoli non ha iniziato bene il 2020: pareggio contro la Lupa e adesso la sconfitta subita nel finale dalle ravennati: a sprazzi c’è ancora quella squadra che tanto ha impressionato nelle prime giornate, ma non basta, deve farlo a tempo pieno e fortunatamente il campionato è ancora lungo. Se da una parte c’è delusione, non si può dire della soddisfazione che il Ravenna ha ottenuto, coi tre punti conquistati in casa con merito, segno che il peggio è passato, e ora può tornare ad ambire alle zone alte della classifica.

Le napoletane dovranno fare attenzione anche alla Lazio che, grazie al successo esterno sulla Lady Granata Cittadella, si avvicina pericolosamente alla zona promozione: le aquilotte non hanno nulla da perdere, e se le cose andranno in questa direzione probabilmente potranno restare agganciate al treno per la Serie A per molto tempo, ma di penderà molto dalle scelte che prenderanno le biancocelesti da qui alla fine del campionato. Per le padovane invece è una sconfitta che fa molto male, visto che ora si trovano invischiate nella zona salvezza.

Permac Vittorio Veneto e Riozzese non solo si annullano, ma neanche fanno gol, rendendo questo pareggio inutile per due motivi: il primo è che le rosanero rimangono sempre quarte ma le prime posizioni distano ora di cinque punti, il secondo è che le mafaldine vengono superate dal Ravenna, trovandosi invischiate nei posti bassi della cadetteria, ma forse è meglio concentrarsi sul mantenere la categoria che fare il passo più lungo della gamba.

Altra partita altro pareggio, stavolta ad esser maturato è quello tra Chievo Fortitudo e Cesena: il punto va più bene alle cesenati, che devono ringraziare sant’Alice Cama per il gol realizzato al novantesimo, che alle clivensi, perché un successo avrebbe permesso alle gialloblù di Pozzo di lasciare il fondo della classifica, e invece sono state rimandate al mittente.

Chiudiamo questo editoriale sulla decima giornata con la prima vittoria stagionale del Perugia sulla Novese: finalmente le grifoncelle si sono tolte di dosso quel zero che durava da troppo tempo, ma non solo, perché le perugine ora sono a due soli punti dalla Roma, ma anche a quattro dalle biancazzure che ora sono terz’ultime, il che significa ultimo piazzamento per accedere ai playout: domenica ci sarà Perugia-Roma, in quello che sarà uno scontro salvezza all’ultimo sangue.

Elia Soregaroli
Nato il 12 luglio del 1988 a Cremona, Elia ha sempre avuto una grande passione per il mondo del giornalismo, in particolar modo a quello sportivo. Ha due esperienze lavorative in questo settore, IamCalcio e ManerbioWeek (che è attualmente in corso), un workshop con l'emittente televisiva Sportitalia, e uno stage curricolare con il Giornale di Brescia. Si avvicina al calcio femminile nel 2013 grazie ai risultati e al percorso del Brescia CF e da allora ha cominciato ad occuparsi anche del movimento in rosa. Oltre a questo ho come hobby leggere libri e i balli latinoamericani.