Il Brescia Calcio Femminile non si ferma, e conquista un’altra vittoria senza subire gol: 2-0 sul campo dell’ostico Unterland Damen e quarti di finale di Coppa Italia conquistati. A segno nel primo tempo Brevi con un grande stacco di testa su calcio d’angolo, e nella ripresa Pasquali sigilla il successo delle Leonesse. Nel secondo tempo sugli scudi anche l’estremo difensore del Brescia Meleddu, che più volte ha tenuto inviolata la porta.

LA PARTITA – Mister Simone Bragantini effettua qualche cambio rispetto all’undici iniziale che ha vinto contro il Brixen Obi: davanti a Meleddu ci sono Belussi, Locatelli e Brevi; a centrocampo Pedemonti, Magri, Ghisi e Massussi; Brayda, Pasquali e Capelloni in avanti.
Arbitra il signor Arnaut della sezione di Padova.
Il primo tempo è un monologo delle Leonesse, che collezionano palle gol nitidissime neiprimi minuti di gioco: al 2’ Brevi va di testa da calcio d’angolo ma non centra lo specchio
del la porta; un minuto dopo Pasquali recupera palla sul rinvio del portiere avversario e prova il tiro che viene respinto, sul rimbalzo arriva Capelloni ma la palla è alta. Al 10’ Brayda va al cross per Capelloni che va di mezza girata senza fortuna. Al 13’ Pedemonti si presenta davanti al portiere di casa ma si vede la conclusione deviata in angolo. Sul corner successivo Brevi stacca di testa e insacca per il meritato vantaggio del Brescia. La fame delle Leonesse però non si placa: al 20’ Magri va al tiro dalla distanza ma è centrale; la centrocampista al 28’ ci prova nuovamente ma la risposta di Tarantino è superba. Al 37’ si fa vedere l’Unterland: Pfostl raccoglie un rinvio corto di Meleddu e cerca la porta dalla distanza ma non riesce a segnare. Un minuto dopo Massussi va al tiro dopo una cavalcata solitaria, ma il suo destro è fuori. La ripresa si apre con un Unterland molto più aggressivo:
al minuto 53 Dalla Santa scheggia la traversa e al 55’ Pfostl calcia centrale. Al 60’ un’incomprensione tra Brevi e Meleddu causa uno scontro con un’avversaria e il cartellino giallo per il portiere del Brescia che rimane contusa ma continuerà in campo. Al 65’ ancora Unterland pericoloso: Erlicher va alla conclusione dalla distanza ma Meleddu con uno splendido colpo di reni devia il pallone sulla traversa. Nel momento di maggior sofferenza il Brescia colpisce: al 71’ Pasquali raccoglie un pallone vagante in area e col destro scarica sul primo palo. Il gol subìto demoralizza l’Unterland, e il Brescia va alla caccia del terzo gol: al 78’ scambio tra Pasquali e Capelloni, la numero 10 salta due avversarie e va al tiro, alto sulla traversa. Al 79’ Meleddu dice ancora una volta di no a Dalla Santa con un grande intervento. Nel recupero, al 46’, Previtali coglie il palo dalla distanza col sinistro e pochi secondi dopo Brayda non trova la porta. Al 48’ Farina impegna dalla lunga distanza Tarantino, che si allunga e devia il pallone sulla traversa e pochi istanti dopo Brayda lancia Bocchi che si vede negato il gol da un grande riflesso dell’estremo difensore di casa.
Finisce così, 2-0 per il Brescia, che con tecnica, carattere e gestione dei momenti di difficoltà raccoglie un’altra vittoria contro un’avversaria di ottimo livello: domenica prossima si torna in campo a Palazzolo per la sfida contro il Gordige.

LE INTERVISTE – Mister Simone Bragantini: «Grande carattere delle ragazze, mi sono piaciute molto perché hanno mostrato in campo quanto volevano la qualificazione ai quarti di finale di Coppa. Oggi affrontavamo una squadra che sapevo molto difficile e tosto, che ha qualità e che nei primi venti minuti del secondo tempo ha proposto una mole di gioco molto importante e Meleddu si è resa protagonista di ottimi interventi. La squadra è stata brava a capire il momento di difficoltà e quindi ha difeso bene in maniera collettiva per mantenere il vantaggio». Una partita dai due volti, con il Brescia in totale controllo nella prima frazione di gioco e meritatamente in vantaggio, nella ripresa molto più combattuta: «Durante una partita si è incudine e martello, quindi bisogna essere brave ad essere martello ma anche ad essere incudine, quindi saper soffrire e andare al recupero della palla. A volte lo si fa avanzando, altre volte stando più bassi. C’è anche da dire che forse noi nel secondo tempo abbiamo sofferto un po’ più di quanto avremmo dovuto e potuto. C’è stato un piccolo calo a livello collettivo nella fase di contrasto e recupero palla. Poi ci siamo riprese, e forse avremmo dovuto concretizzare di più, soprattutto nel primo tempo quando abbiamo avuto diverse occasioni nitide. Non possiamo sempre tirare tantissimo per segnare. Va bene, però bisogna cominciare a concretizzare». Cosa aggiunge questa vittoria alla stagione del Brescia? «I quarti di finale di Coppa Italia», la chiosa di Bragantini, sorridendo.
Assoluta protagonista di giornata il portiere delle biancoblu Giulia Meleddu, che ha preso anche una bella botta nella ripresa: «Sto abbastanza bene, ho un po’ male al fianco ma va bene così. Pensavo di non farcela a rimettermi in piedi, ma l’incitamento delle mie compagne mi ha dato la forza di rialzarmi e terminare la partita». Vittoria importantissima: «Sì, sono orgogliosa della squadra perché stiamo crescendo sempre di più. E ci tengo a sottolineare che la nostra porta è inviolata dalla prima partita stagionale contro il Trento. Sono molto felice per questo».
Il suo gol a metà ripresa è arrivato nel momento migliore dell’Unterland, mettendo così una seria ipoteca sul passaggio del turno, ecco Sofia Pasquali: «Sì, loro sono partite bene nel secondo tempo e questo gol sono molto felice di averlo realizzato perché ci ha dato molta tranquillità». Nel primo tempo è mancata precisione sotto porta: «Abbiamo creato tanto, è vero, però ci manca quel qualcosa in più nel concretizzarle e in un paio di occasioni è stato bravo il loro portiere. Siamo state brave a non mollare mai un centimetro per tutta la partita su un campo molto difficile. Ci portiamo a casa questa qualificazione con molta soddisfazione».

UNTERLAND DAMEN: Tarantino, Turani, Vuerich, Pfostl, Turrini, Muco (70’ Targa), Erlicher, Demba, Dalla Santa, Peer (52’ Menegoni), Ninz. A disp: Cainelli, Francesconi, Pomella, Casal. All: Bollino.
BRESCIA: Meleddu, Belussi, Massussi (91’ Madaschi), Ghisi, Locatelli, Brevi, Brayda, Magri (66’ Previtali), Pasquali (37’ Farina), Capelloni (85’ Bocchi), Pedemonti (70’ Viscardi). A disp: Cancarini, Verzeletti. All: Bragantini.
ARBITRO: Arnaut di Padova.
MARCATRICI: 14’ Brevi (BRE), 71’ Pasquali (BRE).
AMMONITE: Turani (UD), Bollino (UD, allenatore), Meleddu (BRE), Belussi (BRE).

Photo Credit: Brescia Calcio Femminile

FONTEBrescia Calcio Femminile
Elia Soregaroli
Nato il 12 luglio del 1988 a Cremona, Elia ha sempre avuto una grande passione per il mondo del giornalismo, in particolar modo a quello sportivo. Ha due esperienze lavorative in questo settore, IamCalcio e ManerbioWeek (che è attualmente in corso), un workshop con l'emittente televisiva Sportitalia, e uno stage curricolare con il Giornale di Brescia. Si avvicina al calcio femminile nel 2013 grazie ai risultati e al percorso del Brescia CF e da allora ha cominciato ad occuparsi anche del movimento in rosa. Oltre a questo ho come hobby leggere libri e i balli latinoamericani.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here