Finisce 1-1 il big match dell’undicesima giornata del Girone B di Serie C tra il Brescia e il Vicenza: una gara molto equilibrata, decisa da due episodi in apertura di partita, anche se in casa biancoblù si può parlare di occasione persa, per via di alcune occasioni gettate al vento dalle ragazze di Bragantini. Entrambe le squadre con le bresciane scese al quinto posto e le vicentine che rafforzano la loro leadership, devono recuperare gli incontri contro l’Unterland e il San Paolo, che chiuderanno così il loro 2019.

Le vicentine passano dopo due minuti in vantaggio con Basso, brava a sfruttare un brutto errore di Brayda a ridosso dell’area bresciana, e con un pallonetto trafigge Meleddu. Il capitano biancoblù però decide di farsi ripagare dello sbaglio al 7’, quando si viene servita sulla sinistra da Pasquali, vola al limite dell’area, e con un destro a giro realizza il pari biancoblù. All’11’ Vicenza vicino al 2-1 quando Locatelli devia un tiro di Sossella, Ferrati è lesta, ma il suo destro viene parato da Meleddu. Dopo un momento di “relax” la sfida si riaccende alla mezz’ora, quando Massussi, su fallo laterale, lancia Brayda che di destro impensierisce Bianchi spedendola in corrner. Al 34’ Maddalena lancia Basso che brucia Locatelli, ma la sua conclusione termina alta di un soffio. La partita non subisce pausa e 120 secondi dopo ecco un’altra occasione bresciana: Magri lancia Massussi che vola in area e tira, Menon devia la sfera. Al 39’ Carradore crossa in area per Ferrati che strozza il suo colpo di testa, rendendola facile per Meleddu.

La ripresa si apre con un Vicenza più pimpante rispetto al Brescia: al 48’ Del Bianco, entrata al posto dell’infortunata Yeboaa, crossa per Basso che non c’arriva di un nonnulla; due minuti dopo punizione battuta sempre da Del Bianco, colpo di testa di Ferrati per che termina a lato. Le Leonesse, subite da queste due scosse, “ritorna” in campo, e al 63’ vanno ad un passo dal 2-1: punizione battuta da Magri, la palla arriva ad Assoni che calcia sicuro davanti a Bianchi che, incredibilmente, papa anche questa. Al 65’ Piovani, liberata da Sossella, conclude di sinistro, ma Ghisi la manda in angolo. Al 70’ ci prova Pasquali con un bel sinistro da fuori area, anche qui salvato da Bianchi. Minuto 73 e il Vicenza ha un’occasione per andare avanti con Basso, ma davanti a Meleddu spara troppo alto. Neanche sessanta secondi ed ecco che arriva un’altra opportunità per il Brescia con Pedemonti, entrata da due minuti al posto di Assoni, ma il suo destro colpisce il palo. All’85’ La partita volge al termine sul pari quando al 93’ Bianchi sbaglia ad appoggiare un retropassaggio di Missiaggia, Capelloni prova a prendere la palla, ma Muccignato fischia la fine delle ostilità, suscitando rabbia tra i tifosi del Brescia.

BRESCIA CF: Meleddu, Belussi, Massussi (59’ Farina), Ghisi, Locatelli, Brevi, Brayda, Magri, Pasquali (84’ Capelloni), Assoni (73’ Pedemonti), Viscardi (45’ Verzeletti). A disp: Cogoli, Madaschi, Parsani, Bocchi, Fodri. All: Bragantini.

VICENZA CF: Bianchi, Sossella, Missiaggia, Menon, Yeboaa (45’ Dal Bianco), Carradore, Basso, Rigon, Piovani (81’ Frighetto), Maddalena, Ferrati. A disp: Dalla Via, Pegoraro, Lazzari, Pomi, De Vincenzi. All: Dori.

ARBITRO: Muccignato di Pordenone.

MARCATRICI: 2’ Basso (VIC), 8’ Brayda (BRE).

AMMONITA: Rigon (VIC).

Elia Soregaroli
Nato il 12 luglio del 1988 a Cremona, Elia ha sempre avuto una grande passione per il mondo del giornalismo, in particolar modo a quello sportivo. Ha due esperienze lavorative in questo settore, IamCalcio e ManerbioWeek (che è attualmente in corso), un workshop con l'emittente televisiva Sportitalia, e uno stage curricolare con il Giornale di Brescia. Si avvicina al calcio femminile nel 2013 grazie ai risultati e al percorso del Brescia CF e da allora ha cominciato ad occuparsi anche del movimento in rosa. Oltre a questo ho come hobby leggere libri e i balli latinoamericani.