Il Pontedera è sceso in campo, settimana scorsa, affrontando il Real Meda, per la ventitreesima giornata, e il Perugia nel recupero del quattordicesimo turno di campionato.

Nel match con le bianconere le granatine hanno pareggiato 0-0. Invece, nella partita affrontata contro il Perugia le pontederine hanno perso in casa per mano delle grifoncine per 1-0, grazie al gol di . Il commento di coach Renzo Ulivieri, rilasciato sui canali ufficial del club pontederino, dopo la gara persa contro le biancorosse: “Una partita nella quale le ragazze erano stremate. Responsabilità grave del dipartimento calcio femminile: con 5 ragazze risultate positive e rientrate all’ultimo momento, e la partita di domenica 10 aprile, hanno voluto mettere la partita dopo soli tre giorni, adducendo la salvaguardia della regolarità del campionato. Il campionato si salvaguardia rispettando le possibilità delle squadre e guardando le condizioni. La scelta di far giocare il recupero in questa data e stata tutto l’opposto della regolarità del campionato. Una partita senza storia, giocata male, un po’ per le condizioni fisiche e molto anche per non sapere giocare in condizioni fisiche deteriorate. Quando mancano le forze ci sarebbe stato bisogno di concentrazione e capacità di soffrire, che sono mancate. Il risultato di oggi ha il significato di una sconfitta morale“.

In classifica le toscane sono scese al dodicesimo posto del Girone A di Serie C con venticinque punti, un piazzamento condiviso con la Lucchese che, però, ha una gara in più rispetto al Pontedera che, domenica, ospiterà l’Arezzo capolista del raggruppamento, anche se dovrà fare a meno proprio di mister Ulivieri. Infatti, l’allenatore toscano è stato squalificato per quattro giornate, per aver rivolto, nell’incontro contro il Real Meda, “espressioni irriguardose all’indirizzo del direttore di gara – questo dice il comunicato ufficiale della LND – alla notifica del provvedimento disciplinare, ritardava l’uscita dal terreno di gioco e subito dopo si collocava nella zona antistante gli spogliatoi, successivamente si posizionava all’esterno del terreno di gioco e rivolgeva ripetute espressioni irriguardose all’indirizzo del direttore di gara, allontanato“.

Photo Credit: Facebook US Città di Pontedera

Nato il 12 luglio del 1988 a Cremona, Elia ha sempre avuto una grande passione per il mondo del giornalismo, in particolar modo a quello sportivo. Ha tre esperienze lavorative in questo settore, IamCalcio, ManerbioWeek e BresciaOggi, un workshop con l'emittente televisiva Sportitalia, e uno stage curricolare con il Giornale di Brescia. Si avvicina al calcio femminile nel 2013 grazie ai risultati e al percorso del Brescia CF e da allora ha cominciato ad occuparsi anche del movimento in rosa.