La IFFHS, la Federazione Internazionale di Storia e Statistica del Calcio, ha reso nota la classifica dei miglior portieri dell’ultimo decennio: al primo posto troviamo la tedesca Schult. Classe 1991, è il portiere del Wolfsburg e della nazionale tedesca: la carta d’identità segna 30 anni, l’età della maturità per quel ruolo. I titoli che può vantare in bacheca sono già numerosi, e destinati ad aumentare: 6 campionati nazionali tedeschi e 6 coppe di Germania per quanto riguarda la carriera nel club; in nazionale ha conquistato una medaglia d’oro alle olimpiadi di Rio del 2016 e un titolo Europeo nel 2013.

Il secondo posto di questa speciale classifica è occupato da Sarah Bouhaddi, francese classe ’86. A livello di club la bacheca non è la stessa di Schult, in quanto a titoli di club però non ha nulla da invidiare alla collega: sono 11 i campionati francesi conquistati, tutti con la maglia dell’Olympique Lyonnaise, oltre ad 8 coppre di Francia e a ben 6 Women’s Champions League.

Terzo posto per una vera e propria leggenda del calcio statunitense e non solo, Hope Solo, ritiratasi nel 2016: due ori olimpici conquistati, una coppa del mondo e una CONCACAF, il campionato femminile delle nazioni del centro-nord America sono i titoli più importanti da lei raggiunti.

Nasce a Fiorenzuola d’Arda il 1 marzo del 1995. Appassionata del mondo Juve dalla nascita, solo recentemente si è avvicinata all’universo del calcio femminile ma ne è rimasta folgorata. Crede fermamente che sia una realtà ancora poco conosciuta in Italia, ma in rapidissima espansione, ed è entusiasta di far parte del progetto che sta permettendo questa crescita. È laureata in Storia ed è ora impegnata in una magistrale in Scienze Storiche.