Emma Hayes, tecnico del Chelsea FC Women, al termine della gara persa contro il Manchester City nella finale della Continental Tires League Cup,  ha detto con rammarico : “che è stata una partita, dai due volti, e contraddistinta su due tempi ”.

E dire che gara si era aperta bene per il Chelsea: quando Sam Kerr ha aperto le marcature a Plough Lane davanti a un record di 8.004 tifosi della Conti Cup, tuttavia, 15 minuti dopo l’intervallo le ragazze di Emma si sono trovate in doppio svantaggio, quando Caroline Weir ed Ellen White hanno segnato due gol in rapida successione.

Parlando ai media, Hayes ha aggiunto: “E’ stato un gioco a due tempi: pensavo che fossimo stanchi nel secondo tempo. Alla fine, penso che non abbiamo vinto la partita perché non abbiamo tenuto la palla abbastanza bene. Ho sentito che per tutti i 90 minuti, e anche se abbiamo pressato bene nel primo tempo, le nostre migliori situazioni sono arrivate in transizione perché non credo che abbiamo fatto abbastanza in possesso palla in modo controllato e penso che probabilmente ci sia voluto qualcosa fuori di noi. Quando è andato 1-1 lo slancio è cambiato”, ha spiegato Hayes. Siamo state imbattute, contro di loro 10 volte, oggi è il loro giorno. Congratulazioni, penso che siano degni vincitori per via delle loro prestazioni e penso che oggi ci siano mancati giocatori ”.

Ai Blues mancavano un certo numero di giocatori chiave per infortunio, mentre Hayes ha rivelato che Jessie Fleming ha saltato a causa della contrazione del Covid-19.

Non si può sottovalutare l’importanza di Jessie Fleming, Erin Cuthbert , Fran Kirby , Magda Eriksson, Melly Leupolz e Maren Mjelde . Pensavo fosse una partita di troppo per noi. Tuttavia, con quell’inesperienza, hanno un assaggio di giocare una finale per alcuni di loro. La squadra migliore ha vinto in 90 minuti. Il Man City ha avuto una stagione dolorosa fino ad ora, quindi merito a loro, per riprendersi da un inizio davvero, davvero difficile, ma è solo uno dei tre per cui stiamo gareggiando. Sono delusa perché questa partita è in programma a Londra, c’è buon pubblico qui, ma non ho apprezzato la nostra prestazione nel secondo tempo. Nel primo tempo avremmo dovuto sfruttare le nostre occasioni, quando eravamo in testa. Quando giochi questo tipo di avversario, devi andare avanti di uno, due a zero e metterti in una posizione forte. Pensavo fossimo così dominanti in quello che stavamo cercando di fare, non credo che abbiamo capitalizzato quando avremmo dovuto.

Hayes ha aggiunto come lo slancio abbia giocato un fattore enorme nel secondo tempo e quanto sia difficile dal punto di vista dell’allenatore affrontarlo.

‘Lo slancio è così difficile contro cui allenare, è la cosa più difficile. Ho sentito cadere ogni palla su di loro. Questo è ciò che intendo per slancio, a volte è difficile intralciarlo. Ottengono il primo attacco del secondo tempo, il gol. Ottengono il secondo attacco, il gol. E all’improvviso il gioco va alla deriva in un’altra direzione. Il terzo è un corner, goal. Game Over. Ed è così che è il calcio, a volte funziona a tuo favore e a volte no.’

Il boss, come chiamato in Inghilterra, è stato pieno di lodi per i fan dei Blues che si sono fatti sentire all’interno di Plough Lane, tifando per la squadra per tutti i 90 minuti.

“Sono stati fantastici, sono sempre brillanti e penso che sia qualcosa che abbiamo fatto davvero bene nel corso degli anni, costruire quella base di fan. Sono deluso dal fatto che non glielo abbiamo portato a casa. Il City ha ottenuto di nuovo il terzo e ultimo gol con Weir quando la squadra di Manchester ha conquistato il quarto trofeo della Coppa Conti”.

L’attenzione ora torna alla Barclays FA Women’s Super League mentre i Blues si recano al West Ham United giovedì, mentre la corsa per il titolo diventa più calda, conclude il suo lungo intervento dicendo:Abbiamo l’incontro più difficile con l’Arsenal, ma penso che puoi prenderti solo un momento alla volta, una partita alla volta. Spero solo di poter recuperare altri corpi per giovedì, ma non mi aspetto che saranno i due che ho menzionato Jessie Fleming e Fran Kirby”.

Paolo Comba, giornalista pubblicista iscritto all' ordine di Torino, ho conseguito il tesserino da Giornalista collaborando da prima con quotidiani on line ( settore calcistico giovanile : “11 giovani.it” e “gioca a calcio.it", in Piemonte) per entrare, successivamente, in redazione a Torino del settimanale cartaceo di “ Sprint&Sport" e Terzo Tempo (settore calcistico dilettantistico Regione e Nazionale - Professionistico – Serie D). Collaboro dal 2018 con RCS Sport per il Giro d' Italia (seguendolo in tutte le tappe) e nel Giro 103 ho collaborato come addetto stampa per quotidiani on line di ciclismo ( bikenews ). Appassionato di Sci alpino e nordico segue gare Mondiali e Coppa del Mondo dal 2000. Credo che il CALCIO FEMMINILE ITALIANO sia un movimento in grande crescita e debba avere le stessa visibilità del mondo “ maschile", pertanto, contribuisco a questo grande obbiettivo.