Venticinque anni fa, la Norvegia era in cima al mondo. Era diventata solo la seconda squadra a vincere la FIFA Women’s World Cup™ e, a distanza di un quarto di secolo, sono rimasti solo una delle quattro che l’hanno fatto (USA, Germania e Giappone).

Tra il 1987 e il 2000, sono state incoronate due volte campionesse d’Europa, hanno vinto l’oro olimpico e raggiunto due finali di FIFA Women’s World Cup™. Ma il momento culminante della Norvegia è arrivato in un piovoso pomeriggio di giugno a Solna, in Svezia, quando hanno sconfitto le avversarie della Germania per assicurarsi il premio più ambito.

“È stato senza dubbio il momento più bello della mia carriera”, ha dichiarato Hege Riise, star player e capocannoniere del torneo. “Vincere le Olimpiadi è stato meraviglioso, ma il flusso del torneo non è stato lo stesso. Quella FIFA Women’s World Cup™ ’95 è stata la mia migliore esperienza”.

Quell’esperienza è stata ancora più dolce per Riise poiché, quattro anni prima, aveva vissuto l’altro lato della finale del Mondiale, perdendo 2-1 contro gli USA nel Mondiale tenutosi in Cina. Riise era molto giovane nel 1991, ma quattro anni dopo arrivò in Svezia come una delle giocatrici più ammirate e affermate del calcio. In effetti, è tornata a casa dopo la finale non solo con la medaglia da vincitrice, ma conquistando il premio di miglior giocatrice del torneo, il Golden Boot.

“Quella palla d’oro è qualcosa di cui sono ancora così orgogliosa”, ha detto. “Ho vissuto un torneo fantastico, e mi sono goduta ogni minuto in cui ero lì. Ero così in forma; Mi sembrava che nulla potesse fermarmi. Penso che la maggior parte della squadra si sia sentita così nel ’95. Avevamo lo stesso allenatore del ’91 (Anche Pellerud), la maggior parte degli stesse giocatrici e avevamo sviluppato un modo di allenamento – davvero intenso – che significava che eravamo nella migliore forma della nostra carriera, sentendoci praticamente inarrestabili, al momento quando il Mondiale è arrivato”.

La fase a gironi aveva visto lo scontro con Canada, Inghilterra e Nigeria, dove le Norvegesi erano andate in rete 17 volte. Successivamente la vittoria contro la Danimarca nei quarti. Infine, la semifinale vista come rivincita della finale del 1991: gli Stati Uniti.
In finale invece c’era una Germania che, appena tre mesi prima, aveva vinto il suo terzo UEFA Women’s EURO consecutivo. Nelle due precedenti finali continentali, avevano battuto le norvegesi con un punteggio complessivo di 7-2.

Ma tra una pioggia costante a Solna, è stata Riise a trovare la scintilla dell’ispirazione necessaria, segnando uno dei più famosi gol della FIFA Women’s World Cup: “Alcuni momenti che non puoi dimenticare e il gol nella finale è uno di questi per me”, ha detto, sorridendo la marcatrice.

Tre minuti dopo, Marianne Pettersen realizzò il 2-0.
“Anche se eravamo così chiaramente in vantaggio, sapevamo che erano tedesche, e che non si arrendevano mai. Quindi non ci siamo rilassate fino al fischio finale, ha detto. “Quindi abbiamo davvero fatto una festa. Avevamo anche due aerei militari che volavano a fianco del nostro per darci una scorta speciale per tornare in Norvegia, dove c’era una grande festa all’aeroporto”.

I festeggiamenti erano stati faticosamente guadagnati ed erano ben meritati. Come riflette la compagna di squadra Aarones: “Non capita spesso che la Norvegia vinca una Coppa del Mondo”.

Credit Photo: https://www.fifa.com/

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here