La Nazionale femminile degli Stati Uniti ha vinto la medaglia di bronzo, alle Olimpiadi di Tokyo 2020, con una vittoria per 4-3 contro l’Australia con due stupende doppiette delle veterane Megan Rapinoe e Carli Lloyd.

Dopo la deludente sconfitta in semifinale contro il Canada, gli Stati Uniti sono tornati ruggendo nel match per la medaglia di bronzo, portandoli in Australia fin dall’inizio in un’impressionante prestazione offensiva che sarà classificata come la partita per la medaglia con il punteggio più alto – oro o bronzo – in Storia del calcio olimpico femminile.

È stata la sesta medaglia olimpica complessiva dell’USWNT, la più grande di qualsiasi altra nazione. Gli Stati Uniti hanno ora vinto tutte e quattro le partite per il terzo posto disputate ai campionati del mondo, tre alla Coppa del mondo femminile FIFA (1995, 2003 e 2007) e oggi alle Olimpiadi.

Lloyd ha fatto la storia solo scendendo in campo per guadagnare la sua 312esima presenza in nazionale, passando al secondo posto nella lista delle presenze di tutti i tempi per l’USWNT e nel calcio internazionale in generale, femminile e maschile.

Questo è stato solo l’inizio per la leggendaria attaccante statunitense, dato che i suoi due gol l’hanno resa la miglior marcatrice di tutti i tempi degli Stati Uniti alle Olimpiadi con 10 risultati – superando Abby Wambach – ed è diventata la prima giocatrice USWNT a segnare in quattro diverse Olimpiadi. Ha anche segnato in ogni partita per la medaglia d’oro olimpica in cui ha giocato, inclusa la partita per la medaglia d’oro del 2008 contro il Brasile e una doppietta nella partita per la medaglia d’oro del 2012 contro il Giappone.

Gli USA sono partiti in prima linea fin dall’inizio, trovando il successo con la linea d’attacco che pressa l’Australia.

Il portiere statunitense Adrianna Franch ha esordito nel torneo olimpico al posto dell’infortunata Alyssa Naeher.

Rapinoe ha aperto presto le marcature con il botto, sorprendendo l’Australia con un gol Olimpico, che all’ottavo minuto ha diretto in rete il suo cross su calcio d’angolo.

È stato il quarto gol in carriera di Rapinoe alle Olimpiadi e il secondo di questo tipo direttamente su calcio d’angolo, in precedenza nella semifinale del 2012 contro il Canada. L’attaccante australiano Sam Kerr ha pareggiato al 17′, ma Rapinoe ha risposto in modo clamoroso solo tre minuti dopo. Su un passaggio sbagliato dell’Australia nell’area di rigore, Rapinoe ha colpito un tiro al volo completo sul lato sinistro della rete per dare agli Stati Uniti un vantaggio a cui non avrebbe rinunciato.

I due gol di Rapinoe l’hanno segnata l’ottavo e il nono del 2021 per l’USWNT, il massimo della squadra e il miglior risultato della sua carriera per i gol in un anno solare. I suoi 61 gol, dell’attaccante, valgono il decimo posto nella storia degli Stati Uniti, superando Shannon MacMillan.

Giocando forse nella sua ultima partita olimpica, Lloyd ha messo un punto esclamativo nel primo tempo con un gol nel primo minuto di recupero, sparando un tiro duro in corsa nella parte inferiore destra della rete. Ha segnato il suo secondo gol subito dopo l’intervallo, inseguendo un colpo di testa sbagliato dall’Australia e battendo il portiere Teagan Micah con le gambe nell’occasione uno contro uno per portare gli Stati Uniti sul 4-1.

La doppietta di Rapinoe l’ha vista diventare la prima giocatrice nella storia della USWNT ad avere più partite multi-gol alle Olimpiadi. Ha anche segnato due gol nelle semifinali olimpiche del 2012 contro il Canada. Lloyd ha eguagliato l’impresa solo pochi minuti dopo, ottenendo la sua doppietta oggi dopo aver segnato due gol nella partita della medaglia d’oro olimpica del 2012 contro il Giappone.

Nonostante gli Stati Uniti abbiano preso il comando all’inizio del secondo tempo, i Matildas hanno il merito di aver combattuto fino al fischio finale. L’Australia ha risposto al secondo gol di Lloyd con un bel recupero in fase di transizione, rifinito da Caitlin Foord. Poi, allo scadere, Emily Gielnik ha tirato fuori un tiro impressionante dalla distanza per segnare la linea del punteggio finale 4-3.

 

 

Paolo Comba, giornalista pubblicista iscritto all' ordine di Torino, ho conseguito il tesserino da Giornalista collaborando da prima con quotidiani on line ( settore calcistico giovanile : “11 giovani.it” e “gioca a calcio.it", in Piemonte) per entrare, successivamente, in redazione a Torino del settimanale cartaceo di “ Sprint&Sport" e Terzo Tempo (settore calcistico dilettantistico Regione e Nazionale - Professionistico – Serie D). Collaboro dal 2018 con RCS Sport per il Giro d' Italia (seguendolo in tutte le tappe) e nel Giro 103 ho collaborato come addetto stampa per quotidiani on line di ciclismo ( bikenews ). Appassionato di Sci alpino e nordico segue gare Mondiali e Coppa del Mondo dal 2000. Credo che il CALCIO FEMMINILE ITALIANO sia un movimento in grande crescita e debba avere le stessa visibilità del mondo “ maschile", pertanto, contribuisco a questo grande obbiettivo.