L’Australia, nei quarti di finale, ha eliminato la Gran Bretagna entrando nella storia accedendo alle semifinali.

La starlet Mary Fowler ha portato i Matildas in vantaggio nei tempi supplementari

“Ha un grande futuro davanti a sé”, così l’ha definita Samantha Kerr l’ attaccante e sua capitano della Nazionale, “Sono sopraffatta dall’emozione – sono così orgoglioso di aver vinto, e segnare il mio primo gol alle Olimpiadi è una sensazione incredibile”, ha dichiarato Mary Fowler , dopo aver festeggiato – a lungo – l’Australia storica vittoria sulla Gran Bretagna nei quarti di finale del Women’s Olympic Football Tournament di Tokyo 2020.

In una partita sulle montagne russe che doveva essere vista per crederci, il precoce attaccante è uscito dalla panchina a dieci minuti dalla fine e ha avuto un impatto significativo poco dopo, segnando nei tempi supplementari per portare gli australiani in vantaggio per 3-2.

La strumentale Sam Kerr, che ha siglato la vittoria per 4-3 dopo aver segnato un pareggio all’ultimo respiro nei tempi regolamentari, si è fatta lirica sulla sua giovane compagna di squadra al fischio finale.

“Ha fatto una tale differenza e ha solo 18 anni!” esclamò lo skipper Matildas. “Ha un grande futuro davanti a sé; siamo davvero fortunati ad averla. Ha davvero stabilito il suo posto nella squadra nell’ultimo anno ed è stata fantastica stasera.

La rete di Mary Fowler al 103′, un tiro potente e deviato da appena fuori area che ha scavalcato il portiere della Gran Bretagna Ellie Roebuck nell’angolo in alto a destra, non ha sorpreso molto il Ct australiano Tony Gustavsson.

“Mary ha segnato molti gol in allenamento per settimane, con il piede sinistro, il piede destro e la testa”, ha detto lo svedese. “Era abbastanza vicina a ottenerne uno nella partita degli Stati Uniti, quando ha colpito di testa la palla contro la traversa. Quello che amo di questa squadra è che si incoraggiano a vicenda: i capi esperti aiutano e supportano i giocatori più giovani. Mary è in buona forma da un po’. E sta gestendo bene la pressione, come ha dimostrato oggi”.

La performance della diciottenne preannuncia una nuova tappa in una fiorente carriera che l’ha vista inclusa nella squadra australiana per la FIFA Women’s World Cup France 2019, dove è stata la seconda giocatrice più giovane a partecipare. “Ho avuto la possibilità di prendere parte a tornei importanti, fianco a fianco con alcuni dei migliori giocatori del mondo”, ha osservato Fowler, che ha ottenuto il suo primo cappello all’età di 15 anni. “Ho avuto la fortuna di provare tutto questo in così giovane età.”

L’attaccante del Montpellier ha continuato: “Sono maturato molto da quando mi sono trasferito in Europa. Sto giocando contro squadre di alto livello in un campionato forte.

È un’opportunità straordinaria, che mi sta davvero aiutando a crescere come giocatore”.

Da ragazzina, Fowler prendeva parte ai mini Giochi Olimpici, con tanto di cerimonie di finte medaglie, con suo fratello e sua sorella – che sono anche calciatori di talento – sulla spiaggia, quindi per competere a Tokyo le fa un po’ pizzicare: “Quando ero piccola, era l’unica cosa che avessi mai sognato. È assolutamente incredibile essere davvero coinvolto in questa avventura e pensare che ora faccia parte della mia storia personale”.

Evidentemente desiderosa che la suddetta avventura prosegua il più a lungo possibile, ora ha uno scontro in semifinale – la prima volta che l’Australia arriva a questo stadio, dopo essere stata eliminata ai quarti nel 2004 e nel 2016 – con la Svezia, che ha sconfitto l’ Australia per  4-2 durante la fase a gironi, per guardare al futuro.

“Abbiamo mostrato ciò di cui siamo capaci questa sera, quindi penso che affronteremo la partita con la Svezia con molta fiducia”, ha detto Fowler con sicurezza. “Abbiamo già fatto un po’ di storia arrivando in semifinale, ma andare oltre sarebbe semplicemente incredibile.

A giudicare dalle nostre emozioni dopo la partita, non riesco nemmeno a immaginare l’eccitazione che proveremo se faremo un passo avanti”.

Paolo Comba, giornalista pubblicista iscritto all' ordine di Torino, ho conseguito il tesserino da Giornalista collaborando da prima con quotidiani on line ( settore calcistico giovanile : “11 giovani.it” e “gioca a calcio.it", in Piemonte) per entrare, successivamente, in redazione a Torino del settimanale cartaceo di “ Sprint&Sport" e Terzo Tempo (settore calcistico dilettantistico Regione e Nazionale - Professionistico – Serie D). Collaboro dal 2018 con RCS Sport per il Giro d' Italia (seguendolo in tutte le tappe) e nel Giro 103 ho collaborato come addetto stampa per quotidiani on line di ciclismo ( bikenews ). Appassionato di Sci alpino e nordico segue gare Mondiali e Coppa del Mondo dal 2000. Credo che il CALCIO FEMMINILE ITALIANO sia un movimento in grande crescita e debba avere le stessa visibilità del mondo “ maschile", pertanto, contribuisco a questo grande obbiettivo.