Laura Agard è stata intervistata da MilanNews.it ed ha raccontato la sua esperienza in maglia rossonera in questa prima parte di stagione. 

Riguardo al primo approccio con il mondo del calcio, Agard racconta come sia avvenuto prestissimo: “Quando ero a scuola e avevo 5-6 anni ho cominciato a conoscere questo mondo e mi è piaciuto subito. Quando ero giovane in Francia non era ancora possibile pensare di diventare una calciatrice professionista e quindi inizialmente ho iniziato a giocare con i maschi. Successivamente sono stata aggregata ad una squadra femminile e da lì è cominciata la mia avventura.

Immancabile la domanda sugli idoli calcistici, e la risposta rimanda alla storia francese e a quella a tinte rossonere. “Essendo francese il mio idolo è Laurent Blanc e da difensore quale sono posso citare anche Paolo Maldini e Alessandro Nesta, due grandi ex difensori del Milan.”

Sulla differenza tra Italia e Francia le idee sono chiare: “In Francia il percorso e gli investimenti delle società professionistiche sono cominciate prima e quindi sono più avanti. In Italia tuttavia, negli ultimi anni, il movimento è cresciuto tantissimo e il gap si sta riducendo.”

A questo punto della stagione la squadra si trova ancora in lotta per due trofei. Semifinale di Coppa Italia e seconde in campionato, a sole 3 lunghezze dalla Juventus. La squadra non può non essere contenta: “Per il momento il bilancio è positivo. Sicuramente vogliamo vincere un titolo però il campionato e il percorso è ancora lungo e quindi è importante continuare a pensare partita dopo partita.

Credit Photo: Fabrizio Campagnoli

Avatar
Nasce a Fiorenzuola d’Arda il 1 marzo del 1995. Appassionata del mondo Juve dalla nascita, solo recentemente si è avvicinata all’universo del calcio femminile ma ne è rimasta folgorata. Crede fermamente che sia una realtà ancora poco conosciuta in Italia, ma in rapidissima espansione, ed è entusiasta di far parte del progetto che sta permettendo questa crescita. È laureata in Storia ed è ora impegnata in una magistrale in Scienze Storiche.