Photo Credit: Chievo Verona Women FM

Nella splendida cornice del “Nazario Gambino” di Arenzano, con un’insolita quanto suggestiva vista sul mare come sfondo, il Chievo Women fa visita al Genoa con l’obiettivo di dare seguito alla vittoria di sette giorni fa contro il Trento.
Mister Venturi si affida allo stesso undici dell’ultima domenica, confermando Boglioni nel ruolo di laterale basso e Scuratti da mezzala insieme a Kiem e Tardini. In avanti solito tridente con Massa (ex della gara), Ferrato e Dallagiacoma.

PRIMO TEMPO | Avvio di match senza grandi squilli da entrambe le parti, con tanti contrasti e poca fluidità di manovra. Il primo tiro verso la porta è di Ferrato, che gira a rete un cross dalla trequarti di Scuratti, senza impensierire Macera.
Con il passare dei minuti il Chievo cresce e alza il ritmo. Una combinazione interessante arriva al 14′, quando al termine di un’azione ben costruita ci prova Massa con un tiro a giro che non centra la porta.
Finalmente Ferrato! | L’equilibrio è rotto al 15′ dalla prima attesa gioia con la maglia gialloblù di bomber Ferrato. Lancio in profondità di Mascanzoni su cui arriva in anticipo in area la retroguardia ligure, ma la 9 non si arrede e strappa con forza il pallone, scaricandolo poi in rete con precisione. Vantaggio clivense!

Cinque minuti dopo prova a rispondere il Genoa con Millqvist, che trova la prima conclusione di giornata del Grifone senza però centrare la porta.
Al 27′ è pero ancora la formazione ospite a sfiorare la rete. Pallone recuperato in zona offensiva da Scuratti che pesca in area Ferrato. La centravanti prova a piazzare ma il riflesso di Macera nega la doppietta.
Raddoppio! | Alla mezz’ora il Chievo centra il bis. Punizione defilata dalla destra, Paola Boglioni lascia partire il mancino per una traiettoria a giro che sfila in area senza deviazioni e si insacca. Due a zero per le gialloblù!
Momento del match che vede le nostre ragazze in totale controllo, con il Genoa un po’ stordito dai colpi del Chievo. La squadra di Venturi nettamente crescita in termini di pulizia tecnica delle giocate e convinzione nel corso del primo tempo.
Tris Massa | Al 39′ ecco allora il colpo del ko virtuale. Dallagiacoma approfitta di un errore in un’uscita della difesa genoana e scarica per Alessandra Massa. La ligure scarta con facilità un’avversaria in area e infila Macera con un mancino rasoterra. Tre a zero e gol dell’ex per la 22, nata non lontana da queste parti.
Punto nell’orgoglio, il Grifone costruisce al 44′ quello che sarà l’unico vero pericolo per la retroguardia ospite. Dopo un’azione insistita sulla destra, un cross basso e arretrato pesca l’accorrente Bargi che colpisce a volo e spaventa Bettineschi, scagliando il pallone a pochissimi centimetri dal palo.
Un campanello d’allarme che mette subito in riga le gialloblù, che tornano a spingere sull’acceleratore. L’ultima emozione  dei primi 45′ arriva dall’iniziativa di Dallagiacoma, che punta il difensore, entra in area e sfiora il poker provando a piazzarla sul palo più lontano.

SECONDO TEMPO | L’appuntamento con il gol per la numero 29, però, è solo rimandato di qualche minuto. Il tempo di riprendere fiato per l’intervallo e tornare sul rettangolo verde. Dopo appena cinque minuti dall’inizio della ripresa, infatti, Martina Scuratti strappa l’ennesimo pallone del suo match e offre a Dallagiacoma in area, che non può sbagliare. Quarto gol della gara e quarto personale di un inizio di stagione fenomenale per l’ala trentina!
Ancora Ferrato! | Il Chievo non si ferma e continua la giostra del gol con la doppietta di Claudia Ferrato. Sugli sviluppi di una palla inattiva, infatti, l’ex Sassuolo graffia ancora con una zampata decisiva nella mischia che decreta lo 0-5.
Standing ovation per l’attaccante, sostituita subito dopo il gol per lasciare spazio alla giovane Kailey Willis. saranno proprio della maltese le ultime iniziative di un match abbondantemente chiuso in meno di un’ora dalle ragazze di Venturi.
L’ex Hellas si mette in proprio in due occasioni, testando i riflessi di Macera, senza però trovare la prima gioia con la nuova maglia.
L’ultimo tentativo alla ricerca di un gol della bandiera per il Genoa arriva al 74′, quando la neo entrata Crivelli ha una buona chance in area per trafiggere Bettineschi, ma l’estremo difensore gialloblù riesce a bloccare.
Finisce dunque con il risultato di 0-5 in terra ligure. Tante buone notizie per la squadra di Venturi, che ritrova confidenza con la rete e quella facilità di tramutare in gol la grande mole di gioco che era un po’ mancata in più di un’occasione nell’ultimo mese.
Parlando di marcature, non si può non sottolineare la doppietta di Ferrato, che riesce a sbloccarsi in questa Serie B. Buona la prova anche del centrocampo gialloblù, in particolare di una Scuratti che ha dominato in mediana grazie alla sua fisicità e alla lucidità nel servire assist alle attaccanti.
Ciò che conta più di tutti, però, è la seconda vittoria consecutiva che permette di affrontare con più serenità la sosta delle Nazionali.
La data da cerchiare per il prossimo appuntamento in campionato, infatti, è il 20 novembre, quando a Verona il Chievo ospiterà l’Arezzo.

GENOA: Macera, Bettalli (78′ Parodi), Abate, Fernandez, Tortarolo; Millqvist (57′ Lucia), Campora (57′ Papadopoulou), Bargi (57′ Crivelli); Parolo; Brscic (78′ Rossi), Lucafo. A disp: Parnoffi, Parodi, Crivelli, Papadopoulou, Perna, Lucia, Spotorno, Rossi, Traverso. All: Oneto.
CHIEVO VERONA WOMEN FM: Bettineschi; Mascanzoni (59′ Oberhuber), Corrado, Zanoletti, Boglioni; Scuratti, Kiem, Tardini (59′ Puglisi); Massa (59′ Ventura), Ferrato (67′ Willis), Dallagiacoma. A disp: Sargenti, Salaorni, Mele, Oberhuber, Tunoaia, Willis, Alborghetti (83′ Dallagiacoma), Puglisi, Ventura. All Venturi.
MARCATRICI: 15′ e 58′ Ferrato (CV), 30′ Boglioni (CV), 39′ Massa (CV), 51′ Dallagiacoma (CV).
AMMONITE: Abate (GEN), Fernandez (GEN).

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here