Tutto è pronto per la quarta giornata di Serie B che metterà in scena incontri pirotecnici: mettetevi comodi, perché lo spettacolo sta per cominciare.

Iniziamo con il super match di giornata tra Lazio e Como, ovvero le due formazioni che hanno come obiettivo la Serie A: il duello più atteso è quello tra Martin e Visentin contro Rognoni e Pellegrinelli. Chi vincerà avrà di sicuro messo la prima pietra sulla scalata alla massima serie, chi perde dovrà rincorrere.

La sfida tra Pomigliano e Cittadella è anche questa di livello, perché si scontreranno le due sorprese di quest’inizio di campionato: chi avrebbe pensato che quest’incontro sarebbe stato per le prime posizioni? Ovviamente nessuno, e questa partita ce lo farà capire.

Il Brescia incrocerà un Chievo Verona in crisi di gioco e risultati: le ragazze di Bragantini, grande ex della partita, dovranno approfittarne per provare a restare in scia delle prime, ma le clivensi cercheranno di portarsi a casa il bottino pieno, altrimenti temiamo in casa gialloblù conseguenze pesanti.

Il Cesena ha trovato la sua prima vittoria in campionato e proverà a dar continuità, magari riuscendo a battere il Perugia, anche se le grifoncelle non vorranno scarificarsi nuovamente. Le perugine sanno benissimo che quest’incontro è già da dentro o fuori, perciò l’unico risultato utile è solo il successo.

Un altro incontro da salvezza è quello tra Pontedera e Vicenza: le ragazze di Ulivieri stanno trovando pian piano la quadra necessaria per raggiungere la salvezza, ma ora servono punti e risultati. Ma dovranno fare attenzione alle biancorosse, perché vorranno rifarsi dalla brutta prestazione ottenuta a Cittadella sei giorni fa.

Il Ravenna, dopo due pareggi, ha bisogno di ritrovare quel successo che gli darebbe il salto di qualità, anche se affrontare la Roma CF non sarà facile, poiché dopo due sconfitte di fila vorrà assolutamente fare un risultato utile.

Terminiamo con OrobicaTavagnacco, ovvero il match delle deluse di queste prime giornate: serve una vittoria per il rilancio definitivo, perché un pari sarebbe deleterio per entrambe.

Elia Soregaroli
Nato il 12 luglio del 1988 a Cremona, Elia ha sempre avuto una grande passione per il mondo del giornalismo, in particolar modo a quello sportivo. Ha due esperienze lavorative in questo settore, IamCalcio e ManerbioWeek (che è attualmente in corso), un workshop con l'emittente televisiva Sportitalia, e uno stage curricolare con il Giornale di Brescia. Si avvicina al calcio femminile nel 2013 grazie ai risultati e al percorso del Brescia CF e da allora ha cominciato ad occuparsi anche del movimento in rosa. Oltre a questo ho come hobby leggere libri e i balli latinoamericani.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here