Dopo 7 settimane di preparazione, il campionato di Serie B Femminile ha preso il via. La Ternana Femminile, reduce da una sconfitta in Coppa Italia contro la Lazio, ha affrontato il Ravenna presso il Moreno Gubbiotti di Narni in occasione della prima giornata.

Fabio Melillo, allenatore delle rossoverdi, opta per un 3-5-2 con Ghioc in porta, Di Criscio, Pacioni e Nefrou in difesa, Lombardo, Fusar Poli, Imprezzabile, Vigliucci e Capitanelli a centrocampo e poi Spyridonidou e Tarantino alla guida del’attacco. Dall’altra parte, invece, il Ravenna risponde con Vicenzi tra i pali, Tonelli, Giovagnoli, Gardel e Raggi in difesa, Domi e Mariani a centrocampo e, infine, Scarpelli, Barbaresi, Burbassi e Mascia in attacco.

Dopo soltanto 5 minuti si portano avanti le padrone di casa con Lombardo. Provano a reagire le giallorosse con alcuni tiri dalla distanza e calci d’angolo, ma senza creare particolari problemi per Ghioc. Le rossoverdi continuano a rendersi pericolose e al 30′ Tarantino tenta una conclusione da dentro l’area di rigore che però termina lontana dalla porta della Vicenzi. Le rossoverdi trovano poi il raddoppio al 39′ con Spyridonidou, che lanciata da Lombardo batte il portiere avversario.

La squadra di Zaccardo rientra in campo con maggiore coraggio ed insistenza e al 55′ sfiora una grandissima chance con Barbaresi. Ciò nonostante, al minuto 60 arriva la doppietta dell’attaccante della Nazionale della Grecia su assist della Vigliucci. Termina 3-0 il match tra la Ternana e il Ravenna!

Chiara Frate, attualmente iscritta al corso di laurea triennale in Mediazione Linguistica e Culturale, coltiva la passione per il giornalismo sportivo ed il calcio, sia femminile sia maschile. Attualmente è redattrice di SportdelSud, un giornale sportivo innovativo di partecipazione popolare che le ha offerto l'opportunità di mettersi alla guida di un progetto imprenditoriale nel settore della comunicazione. Conosce l'inglese, il francese, lo spagnolo e sta imparando anche il portoghese. Sempre pronta a schierarsi a favore della parità di genere, il riscatto delle donne e l’impegno costante e instancabile verso un nuovo approccio culturale anche dal punto di vista sportivo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here