Le giocatrici della WSL Rachel Corsie e Claire Emslie hanno una conversazione durante il mese della storia LGBT+ sugli stereotipi, le loro esperienze nel calcio e l’essere aperti sull’identità; Corsie ha indossato una fascia da braccio color arcobaleno nelle qualificazioni ai Mondiali di Scozia in Ungheria per mostrare sostegno all’inclusività

Per il mese della storia LGBT+, le giocatrici scozzesi Rachel Corsie e Claire Emslie si sono sedute per una conversazione sull’identità, le loro esperienze nel calcio, l’essere alleate della comunità LGBT+ e perché non c’è mai stato un momento migliore per fare coming out.

Corsie, che è lesbica e ha una relazione, ha parlato con Emslie la cui sorella e gli amici intimi fanno parte della comunità LGBT+.

La coppia ha giocato insieme per la Scozia e ha trascorso periodi all’estero, ma ora è nella WSL con Corsie che ha firmato per l’Aston Villa all’inizio di quest’anno, mentre Emslie è all’Everton dal 2020.

Corsie ha dettoSky Sports News : “Quando scopri per la prima volta chi sei e per la prima volta provi a capire quei sentimenti, è anche un percorso difficile di per sé. Penso che il viaggio di ognuno sia diverso. Penso che ci siano molti aspetti positivi in ​​questo nel nostro ambiente – il mondo del calcio femminile – ci sono molti esempi in cui si spera che le persone possano relazionarsi con altri che si sentono simili a come fanno loro e questo consente alle persone per sentirsi al sicuro e a proprio agio. Penso anche che ci siano casi dannosi e probabilmente abbiamo visto da un’età relativamente giovane persone, sia all’interno dell’ambiente che al di fuori dell’ambiente, parlare della tua sessualità fin dalla giovane età. Probabilmente ti è stato chiesto fin dalla giovane età qual è la tua preferenza, e ci proveresti, ci andresti e ci sei andato, sei amico intimo di qualcuno e questo diventa una voce”.

Emslie concorda sul fatto che le è stato chiesto della sua sessualità da giovane “tutto il tempo”. L’attaccante della Scozia e dell’Everton ha dichiarato: “Penso che da ragazza che gioca a calcio sia cambiato molto, ci sono molte più ragazze che giocano a calcio ed è anche visto come uno sport femminile. Anche se sono stata etero per tutta la vita, le persone sicuramente avrebbero fatto domande di sicuro. Mia sorella è così tradizionalmente femminile, una ballerina, io ero una calciatrice che indossava le tute – è cresciuta ed è gay, e ho finito per esserlo dritto. Sicuramente presumeresti che sarei stato solo io a seguire gli stereotipi. “

Emslie si è laureata in fisiologia dell’esercizio negli Stati Uniti. Ha firmato per l’Orlando Pride e alla Coppa del Mondo ha segnato il primo gol della Scozia nel torneo. Ha anche avuto un periodo di prestito in Australia, dove ha vinto il campionato con il Melbourne City.

Corsie ha indossato la bandiera del Pride sulla fascia da capitano in una partita di qualificazione ai Mondiali contro l’Ungheria nel settembre dello scorso anno. Era in risposta alla discriminazione nei confronti della comunità LGBT+ da parte delle nuove leggi che erano state approvate in Ungheria.

Lei che è stata la terza a firmare per il Villa, nella finestra di mercato di gennaio ed è tornata nel Regno Unito dopo tre anni e mezzo nella NWSL con Kansas City Current,  è questo il suo nono club (nei suoi 16 anni di carriera) da giocatrice.

Ha una relazione omosessuale e ammette di sentire ancora regolarmente gli stereotipi nel calcio femminile.

Gli stereotipi sono pericolosi in generale, ogni volta che generalizzi i termini può essere pericoloso”, ha detto Corsie, che ha guidato la Scozia alla sua prima Coppa del Mondo femminile nel 2019. Si sentono commenti continuamente: ‘Tutte le calciatrici sono gay’ o ‘Perché così tante sono gay?’ È una conversazione che non dovrebbe più esistere perché è falsa per una cosa ma può essere dannosa. È insensibile al fatto che ognuno attraversi un processo diverso, che si tratti della sessualità o di qualsiasi tipo di relazione, è qualcosa che è sensibile e personale per tutti e probabilmente ci sono stati molti casi in cui c’è stata una mancanza di rispetto in generale .”

“È positivo nel calcio femminile, le persone sono così aperte”

Entrambi le giocatrici concordano sul fatto che non c’è mai stato un momento migliore per le persone per essere aperte sulla propria identità, specialmente nel calcio femminile.

“Penso che sia positivo nel calcio femminile che le persone siano così aperte”, ha detto Emslie, che ha giocato per la Scozia 41 volte e ha segnato nove gol. Dalla mia esperienza, i miei amici con cui sono cresciuto, alcuni di loro quando hanno fatto coming out non lo hanno fatto inizialmente e hanno dovuto nasconderlo. Sono stato loro amico per anni e non l’ho mai saputo e poi alla fine l’hanno ammesso. Essendo loro amico, la cosa più dolorosa è stato il fatto che non si sentivano a proprio agio nel poter uscire allo scoperto e parlarne. Quando ho scoperto, ero l’unico ferito che pensavano che non fosse ok. Ora che è il mese della storia LGBT+ e sta diventando più consapevole e tutti lo accettano un po’ di più, mi piacerebbe pensare che ora sia un’età migliore e una generazione migliore per accettare tutti”, afferma Emslie.

“Lo è sicuramente, stiamo iniziando a vederlo”, dice Corsie, che è un contabile qualificato e grande fan dell’Aberdeen. Più abbiamo queste conversazioni, alla fine più le persone imparano, stiamo ancora imparando. La cosa più importante che le persone possono fare è cercare di educare se stesse e le persone intorno a loro e mantenere queste conversazioni in primo piano e in grado di accadere in modo che tutti si aprono ad esso e sentono di avere uno spazio”.

Paolo Comba, giornalista pubblicista iscritto all' ordine di Torino, ho conseguito il tesserino da Giornalista collaborando da prima con quotidiani on line ( settore calcistico giovanile : “11 giovani.it” e “gioca a calcio.it", in Piemonte) per entrare, successivamente, in redazione a Torino del settimanale cartaceo di “ Sprint&Sport" e Terzo Tempo (settore calcistico dilettantistico Regione e Nazionale - Professionistico – Serie D). Collaboro dal 2018 con RCS Sport per il Giro d' Italia (seguendolo in tutte le tappe) e nel Giro 103 ho collaborato come addetto stampa per quotidiani on line di ciclismo ( bikenews ). Appassionato di Sci alpino e nordico segue gare Mondiali e Coppa del Mondo dal 2000. Credo che il CALCIO FEMMINILE ITALIANO sia un movimento in grande crescita e debba avere le stessa visibilità del mondo “ maschile", pertanto, contribuisco a questo grande obbiettivo.