Sonia Bompastor, il tecnico che solleva la sua prima Champions da allenatrice nella sua società, è visibilmente commossa, difronte ad una sala stampa gremita come lo stadio dove i media sono costipati per sommergerla di domande.

Lei che in questo stadio era caduta fronte Juve, ai quarti di finale di andata in dieci contro undici un paio di mesi fa, conosce bene il luogo e forse era il destino che in questa magica serata si riprendesse la sua rivincita.

Sono felice, commenta a caldo Sonia, sono contenta per le mie ragazze per tutto il gruppo che ha lavorato molto per questo. Questo trofeo, l’ottavo per OL rappresenta molto: una stagione ricca di soddisfazione e di lavoro. Riprenderci questo titolo dopo l’uscita di scena dello scorso anno è per me e per la mia squadra onore e merito di quello che mi ero imposta ad inizio stagione”.

La delegazione Francese ha preso possesso della scena e della festa che è iniziata nel campo ed è giunta tra i corridoi dell’ Allianz Stadium, con tantissimi tifosi ancora al suo interno, e tra le mura si sentono ancora i cori.

Voglio congratularmi con tutte, prosegue il tecnico Francese, avevamo di fronte una grande squadra come il Barcellona. È stata una finale ben giocata. Ringrazio anche tutto il mio staff per il supporto tecnico, dove insieme, si è lavorato sui dettagli e tatticamente. Avevamo una difesa molto compatta. Non ci siamo arresi dall’inizio alla fine. Alla fine abbiamo dovuto scavare, ma nel complesso avevamo le cose sotto controllo… Scrivere il tuo nome nella storia in questo modo è enorme!”

La Norvegese, Ada Hegerberg che ha aperto le marcature per il Lione, al termine dell’ incontro ha detto: “È incredibile. Trovo difficile descrivere questa sera, non ci sono parole. È un grande orgoglio. Questa stagione è stata dura, ci siamo andati davvero dietro. Ho dovuto percorrere una grande distanza per questo, è stato come un incubo. E vincere la Champions League dopo è enorme. Ti rendi conto che questo è l’ottavo titolo europeo di OL? Sta tornando a casa ed è meritato”.

Il presidente di OL, Jean-Michel Aulas, ha parlato, con molta emozione, di questo enorme successo del suo Team, l’ottavo titolo di OL in Champions League.

Questo è meraviglioso. Non è stato facile. È il lavoro di un’intera stagione. La nostra felicità è immensa. I tifosi ci hanno seguito. Abbiamo una squadra formidabile. Camille e Sonia hanno fatto la loro parte in questa splendida corsa così come i giocatori e personale. Il livello della Champion League è stato alzato. I giocatori se lo meritano. Vediamo cosa può portarci emotivamente il calcio. Abbiamo visto tutti i nostri giocatori prendere il sopravvento usando la loro forza di volontà. Questo è il nostro marchio di fabbrica; un 8° titolo europeo è inaudito.”

Credit Photo: Andrea Amato

Paolo Comba, giornalista pubblicista iscritto all' ordine di Torino, ho conseguito il tesserino da Giornalista collaborando da prima con quotidiani on line ( settore calcistico giovanile : “11 giovani.it” e “gioca a calcio.it", in Piemonte) per entrare, successivamente, in redazione a Torino del settimanale cartaceo di “ Sprint&Sport" e Terzo Tempo (settore calcistico dilettantistico Regione e Nazionale - Professionistico – Serie D). Collaboro dal 2018 con RCS Sport per il Giro d' Italia (seguendolo in tutte le tappe) e nel Giro 103 ho collaborato come addetto stampa per quotidiani on line di ciclismo ( bikenews ). Appassionato di Sci alpino e nordico segue gare Mondiali e Coppa del Mondo dal 2000. Credo che il CALCIO FEMMINILE ITALIANO sia un movimento in grande crescita e debba avere le stessa visibilità del mondo “ maschile", pertanto, contribuisco a questo grande obbiettivo.