Successo importante per la Lazio che supera di misura il Napoli nell’anticipo del sabato delle 14:30. A Cercola termina 0-1 per le biancocelesti che ora vedono una concreta fiammella di speranza nella rincorsa alla salvezza. Nel post gara la centrocampista biancoceleste Giulia Ferrandi ha parlato ai microfoni di S.S.Lazio.it:

“Al momento del rigore ero tranquilla perché nel primo tempo stavamo gestendo bene il match. Ho solamente pensato a calciarlo nel miglior modo possibile. Ho sentito che al portiere avevano suggerito l’angolo, quindi ho deciso di cambiare direzione all’ultimo dopo aver visto che si era tuffata in anticipo. In precedenza non tiravo i rigori semplicemente perché c’erano altre calciatrici con maggiore esperienza designate a tirarli. Per rispetto non mi sono mai sentita di prevalere su altre giocatrici, ora che ne ho la possibilità cerco di mettere in campo la mia esperienza. Parlo spesso con i portieri per capire meglio la loro psicologia, ma in ogni caso ho in testa l’angolo dove voglio tirarlo e non cambio idea.
È stato complicato mantenere il vantaggio per molti minuti anche perché ci facciamo un po’ prendere dall’ansia, soprattutto nel secondo tempo quando siamo in vantaggio. Sotto questo aspetto stiamo migliorando, il Napoli voleva i tre punti e quindi ci ha messo in difficoltà. Faccio i complimenti a Ohrstrom alla quale auguro pronta guarigione e a Guidi che ha risposto presente quando è stata chiamata in causa. Sono felice per il gruppo, abbiamo lottato e questi tre punti sono tutti per noi. Amo giocare con un clima fresco. Sono contenta perché i risultati sono il frutto del lavoro, della determinazione e del non mollare mai. Non c’è ancora la parola fine su questo campionato, venderemo cara la pelle fino alla fine”.