Presentata ufficialmente, nella serata di ieri, la squadra femminile del Cortefranca che, dopo aver vinto lo scorso anno il girone lombardo di Eccellenza, è chiamato a difendere con forza la Serie C. Per questo la squadra è stata mantenuta con il gruppo già collaudato della stagione precedente, rinforzi di giocatrici esperte, come l’approdo in terra franciacortina di Andrea Scarpellini, che farà anche da filo conduttore con l’Atalanta, società al quale il Cortefranca è affiliata da anni, e giovani di prospettiva.

«Non abbiamo fatto grandi stravolgimenti, ma solo inserimenti mirati – ha detto Umberto Canfora, presidente del sodalizio cortefranchese – ma non c’è solo la prima squadra nei nostri progetti: infatti, grazie all’accordo con l’Atalanta, avremo in futuro alcune giocatrici Under 17 che usciranno dalla società bergamasca, e creato la nostra Scuola Calcio, realizzata grazie al supporto di Scarpellini, Macchi e Muraro, e, al momento dell’apertura abbiamo già nove bambine iscritte. Altri obiettivi? Creare in futuro anche una squadra maschile, perché siamo un’unica grande famiglia».

Come guida tecnica è stato scelto Mauro Predari, al suo debutto assoluto come allenatore di una prima squadra: «Qui ho trovato un’ambiente dove si può soltanto crescere – ha commentato il mister rossoblu – per me è la prima volta che alleno un team femminile: noto sensazioni positive, abbiamo fatto un grande lavoro, e speriamo di iniziare bene sin da subito».

I primi mesi del Cortefranca sono stati all’insegna dell’amalgama tra la vecchia guardia e i nuovi acquisti, e le prime uscite nelle tre gare di Coppa Italia serve che c’è ancora molto da fare. «Il periodo iniziale della squadra è stato positivo – ha concluso Predari – abbiamo affrontato squadre che affronteremo nel campionato che verrà, come l’Isera, e il Brescia, che in quella partita abbiamo peccato di mentalità, e sfidato una buona formazione come il Trento: le nostre giocatrici stanno via via migliorando e si stanno applicando al nostro metodo di gioco, ci auguriamo di presentarci bene per la prima di campionato, con l’obiettivo della salvezza».

LA ROSA DEL CORTEFRANCA 2019/20

PORTIERI: Chiara Belotti (’89), Sara Ferrari (’99);

DIFENSORISilvia Belotti (‘97, Montorfano Rovato), Valentina Beltrami (’92), Giorgia Coffetti (’97), Valeria De Giglio (’95, svincolata), Charlene Fenaroli (’92), Elena Gervasi (’86), Maria Lavezzi (’93), Erika Leali (’94), Elisabeth Macchi (’99), Alessia Pievani (‘96, Montorfano Rovato), Roberta Valtulini (’93);

CENTROCAMPISTEEvghenia Acerbis (’02, Mario Bettinzoli), Marika Camplani (’00, Montorfano Rovato), Deborah Freddi (’92), Alessia Giudici (’96), Sonia Mottinelli (‘96), Chiara Sandrini (’89), Andrea Scarpellini (’89, Atalanta Mozzanica), Rossella Valesi (’98);

ATTACCANTI: Federica Asperti (’93), Simona Muraro (’87), Roberta Picchi (’92), Valentina Saetti (’97), Giulia Sirelli (’02, Mario Bettinzoli).

Elia Soregaroli
Nato il 12 luglio del 1988 a Cremona, Elia ha sempre avuto una grande passione per il mondo del giornalismo, in particolar modo a quello sportivo. Ha due esperienze lavorative in questo settore, IamCalcio e ManerbioWeek (che è attualmente in corso), un workshop con l'emittente televisiva Sportitalia, e uno stage curricolare con il Giornale di Brescia. Si avvicina al calcio femminile nel 2013 grazie ai risultati e al percorso del Brescia CF e da allora ha cominciato ad occuparsi anche del movimento in rosa. Oltre a questo ho come hobby leggere libri e i balli latinoamericani.