Photo Credit: Marco Montrone

Il Sassuolo si sta accingendo ad un altra partita che, più che altro, sembra una nuova scalata: le sassuolesi, infatti, ospiteranno nientepopodimeno che l’Inter, colei che occupa attualmente la prima piazza della Serie A.

Anche qui i numeri pendono dalla parte delle nerazzurre guidate, per il secondo anno, da Rita Guarino: sedici punti, cinque vittorie e un pari nelle prime sei giornate di campionato, e come se non bastasse vanta, per il momento, il miglior attacco del torneo con ventidue reti. E non scordiamoci di Elisa Polli che sta vivendo la sua miglior stagione con sette gol e primo posto della classifica marcatrici. Vista così il confronto con le neroverdi è impietoso, dato che ha segnato solamente quattro gol e un punto messo in cascina nella sfida contro la Juventus.

Però, c’è sempre un però. Il Sassuolo è la “bestia nera” dell’Inter. Infatti, il Biscione non ha mai battuto il Sasòl: il bilancio parla di quattro successi per le ragazze di Piovani e un pareggio, con l’ultimo confronto che risale al 15 maggio 2022 e, in quella gara vinta dalla compagine neroverde, ha segnato Mana Mihashi che, guarda caso, sarà la grande ex di questa partita.

Un altro aspetto da non sottovalutare è che il Sassuolo dovrà far tesoro della buona prestazione ottenuta sette giorni fa contro la Roma dove, nonostante abbia perso nel finale, le ha tenuto testa. Questo deve essere di buon auspicio per domani. Perché è vero, non nascondiamoci, la gara di domani con l’Inter sarà difficile, ma niente è impossibile.

Nato il 12 luglio del 1988 a Cremona, Elia ha sempre avuto una grande passione per il mondo del giornalismo, in particolar modo a quello sportivo. Ha tre esperienze lavorative in questo settore, IamCalcio, ManerbioWeek e BresciaOggi, un workshop con l'emittente televisiva Sportitalia, e uno stage curricolare con il Giornale di Brescia. Si avvicina al calcio femminile nel 2013 grazie ai risultati e al percorso del Brescia CF e da allora ha cominciato ad occuparsi anche del movimento in rosa.